Gocce per le orecchie, come somministrarle

L'instillazione deve essere effettuata solo se prescritta dal pediatra o dal medico specialista. Il trattamento cambia in base all'età del bambino
Stampa Pagina

31 ottobre 2019

CHE COSA SONO
Le gocce auricolari sono farmaci o sostanze che vengono utilizzati per la cura delle infezioni o per la rimozione di cerume da uno o entrambe le orecchie (orecchio, come è fatto e come funziona). Le gocce auricolari vanno somministrate solo se indicate o prescritte dal pediatra o dallo specialista medico.
L'instillazione (somministrazione, applicazione) delle gocce auricolari va eseguita in modi differenti a seconda dell'età del bambino, così da facilitare la discesa delle gocce nel canale uditivo, che si modifica con la crescita del bambino.
Le altre azioni da svolgere, di seguito descritte, sono invece comuni a tutte le età.

COME SOMMINISTRARE LE GOCCE AURICOLARI

1. Lavare bene le mani prima di somministrare le gocce;
2. Strofinare il flacone tra i palmi delle mani del farmaco per riscaldarlo. Questo è importante specie per i bambini più piccoli. Le gocce auricolari lievemente tiepide infatti riducono il fastidio dovuto alla sensazione di freddo o caldo all'interno del canale uditivo;
3. Lasciare cadere una goccia sulla mano per controllare che la temperatura non sia troppo calda o troppo fredda;
4. Far sedere o distendere il bambino con l'orecchio interessato rivolto verso l'alto;
5. Pulire e asciugare delicatamente (se necessario) la parte esterna visibile dell'orecchio. Non utilizzare bastoncini cotonati e non tentare di pulire in profondità;
6. Posizionare il polso della mano che si utilizzerà per l'instillazione sulla guancia o sulla fronte del bambino e preparare il flacone sopra il canale uditivo del bambino;
7. Per bambini con età inferiore a 3 anni: tirare delicatamente il bordo esterno dell'orecchio interessato verso il basso e indietro per raddrizzare il canale uditivo. Per bambini con età superiore a 3 anni: tirare delicatamente il bordo esterno dell'orecchio interessato verso l'alto e indietro per raddrizzare il condotto uditivo;

(Figura 1 - Somministrazione in bambini sotto i 3 anni)

(Figura 2 - Somministrazione in bambini sopra i 3 anni)

8. Fare in modo che le gocce possano cadere nel canale uditivo senza intralcio;
9. Spremere o picchettare sul fondo del contagocce lentamente e con decisione per rilasciare il numero appropriato di gocce auricolari sul lato del canale uditivo;
10. Fare in modo che il bambino rimanga sdraiato per circa 1-2 minuti, in modo che il farmaco venga assorbito;
11. Massaggiare delicatamente la pelle davanti l'orecchio per aiutare il flusso del farmaco all'interno. Per evitare che coli farmaco fuori dall'orecchio, si può utilizzare un batuffolo di cotone appoggiato nel padiglione auricolare;
12. Sciacquare la punta dell'erogatore con acqua, poi richiuderlo e riporlo;
13. Lavare le mani una volta finito.

CONSIGLI UTILI

- Leggere sempre attentamente il foglietto illustrativo del farmaco. Contiene informazioni importanti per quanto riguarda la somministrazione, la conservazione prima e dopo l'apertura del flacone e gli eventuali effetti delle gocce;
- Interrompere subito l'instillazione del farmaco se durante la procedura si nota la presenza di sostanze dense gialle o verdi, pus o sangue nell'orecchio. In tal caso rivolgersi all'infermiere o al pediatra di fiducia per maggiori informazioni a riguardo;
- Pulire l'orecchio semplicemente con acqua tiepida, aiutandosi eventualmente con l'angolo di un panno morbido o un asciugamano pulito. È sconsigliata la pulizia delle orecchie con bastoncini cotonati introdotti all'interno del canale uditivo. Se si sospetta la presenza di eccessivo cerume, che non si riduce con la normale pulizia, è utile contattare l'infermiere o il pediatra per valutare l'utilizzo di prodotti che ammorbidiscono il cerume e ne favoriscono la fuoriuscita. 


a cura di: Antonio Garofalo, Claudia Carlin, Ilaria Campagna, Luisa Russo
Struttura Sviluppo Professioni Sanitarie, Formazione Continua e Ricerca
Unità di Funzione di Innovazioni e percorsi clinici
Illustrazioni a cura di: Claudia Carlin
In collaborazione con: