I virus parainfluenzali

Stampa Pagina

17 luglio 2018

CHE COS'E' 

L'infezione da virus parainfluenzali provoca sintomi molto simili a quelli dell'influenza dalla quale non è facilmente distinguibile. I virus parainfluenzali umani (HPIV dall'inglese Human ParaInfluenza Viruses) appartengono al genere paramixovirus e possono provocare manifestazioni di diversa gravità; le sindromi più comuni sono respiratorie: dal comune raffreddore fino a malattie simil-influenzali e polmoniti.

La trasmissione avviene attraverso l'inalazione diretta delle goccioline respiratorie infette o dalle mani attraverso gli occhi e il naso. La sopravvivenza prolungata di HPIV su pelle, vestiti e altri oggetti rende ragione della facile diffusione negli ospedali. L'apparato respiratorio sembra essere il luogo principale in cui il virus si lega e inizia l'infezione.

Le infezioni da virus parainfluenzali interessano soprattutto i bambini: sono responsabili del 30-40 % di tutte le infezioni acute delle vie respiratorie nei neonati e nei bambini, e sono la causa più comune di croup (o laringotracheobronchite acuta). Il virus parainfluenzale più frequente è l'HPIV-1. Le infezioni da virus parainfluenzali di tipo 3 si verificano con maggior frequenza in primavera ed estate, sono altamente contagiose e colpiscono un'alta percentuale di bambini nel primo anno di vita.

Il virus parainfluenzale di tipo 3 può causare polmonite e bronchiolite nei lattanti. Queste malattie generalmente sono indistinguibili da quelle causate dal virus respiratorio sinciziale (VRS) ma sono spesso meno gravi. 

La maggior parte dei bambini si infetta con un virus parainfluenzale prima di aver compiuto i 5 anni di età. 

COME SI MANIFESTA

La sintomatologia è molto varia, a seconda anche del tipo di virus parainfluenzale coinvolto.

Possono comparire: sintomi modesti di tipo influenzale, sintomi simili al raffreddore, come tosse, gola irritata, brividi di freddo, infiammazione di laringe, trachea e bronchi (i virus parainfluenzali sono, infatti, la causa più comune di croup nei bambini),bronchite,polmonite e bronchiolite.

La laringotracheobronchite acuta inizia come un comune raffreddore. Più tardi insorgono febbre, tosse "abbaiante", raucedine, e stridore laringeo. L'insufficienza respiratoria dovuta a ostruzione delle vie aeree superiori è una complicanza rara ma potenzialmente fatale.

La bronchite e la polmonite virale si manifestano spesso durante o dopo l'episodio iniziale acuto nei bambini e, a volte, anche negli adulti infettati con HPIV-3.

Le complicanze batteriche non sono frequenti. Comunque, come con altre infezioni respiratorie virali, possono verificarsi riacutizzazioni di stati asmatici o di bronchiti croniche.

A contrarre di nuovo il virus parainfluenzale sono più frequentemente gli anziani e i soggetti immunocompromessi, che sono a rischio elevato di complicazioni serie. 

COME SI FA LA DIAGNOSI

Visto che non si dispone al momento di un trattamento specifico per l'infezione da virus parainfluenzali, i test per la conferma diagnostica (coltura del virus, identificazione degli antigeni virali o del materiale genetico del virus mediante amplificazione genica - PCR) vengono riservati ai casi nei quali giungere a una diagnosi microbiologica è realmente importante (ad esempio nei pazienti immunodepressi). 

Non di rado si rende necessaria una radiografia del torace.

COME SI CURA

Le malattie dovute ai virus parainfluenzali, sebbene frequenti, sono solitamente lievi e di breve durata. La bronchite e la polmonite associate alle infezioni con HPIV di tipo 3 provocano, talvolta, grave inabilità, ma sono raramente fatali. Il trattamento delle sindromi parainfluenzali è sintomatico. Essendo patologie che in genere si risolvono da sole in pochi giorni, il trattamento prevede il riposo a letto e la somministrazione di farmaci in grado di controllare la febbre e alleviare la sintomatologia. Il farmaco di elezione per la gestione degli stati febbrili è il paracetamolo, molecola con proprietà antifebbrili e antidolorifiche, non provvisto di attività antinfiammatoria e quindi privo di effetti lesivi per la mucosa dello stomaco. Trattandosi di infezioni virali, la terapia antibiotica non trova indicazione.

COME SI PREVIENE

D'obbligo l'igiene delle mani, utilizzando detergenti dotati di azione antisettica o con gel a contenuto alcolico, adottando piccoli ma importanti accorgimenti: ad esempio, nello starnutire o nel tossire, coprirsi la bocca con un fazzolettino di carta o con il gomito e non con le mani che sono uno dei principali veicoli di diffusione del virus. Il fazzoletto di carta va subito buttato. Far areare gli ambienti, assicurando che l'aria non sia troppo secca, ricorrendo eventualmente ad umidificatori, ne' troppo umida. Evitare i luoghi troppo affollati, in cui il rischio contagio è decisamente più elevato.

Al momento non sono ancora disponibili sul mercato vaccini per prevenire l'infezione da virus parainfluenzali ma sono allo studio vaccini contro i virus HPIV-1 e HPIV-3, da virus attenuati di origine umana e bovina.


 

a cura di: dott.ssa Laura Cursi
in collaborazione con: 

Bambino Gesù Istituto per la Salute