Nuovo Coronavirus: cosa vuol dire paucisintomatico

Anche adulti e bambini che manifestano solo sintomi lievi di COVID-19 possono contagiare gli altri
Stampa Pagina

09 ottobre 2020


Un bambino paucisintomatico, così come un adulto paucisintomatico, è un paziente infetto che ha sintomi lievi di COVID-19, la malattia da nuovo Coronavirus.
Non tutte le persone contagiate da SARS-CoV-2 manifestano la COVID-19 allo stesso modo: alcune persone non sviluppano mai i sintomi, sono gli asintomatici, altre manifestano i sintomi in forma lieve, sono quindi detti paucisintomatici, altre ancora vengono colpite da una forma grave della malattia.
Essere paucisintomatico, dunque, vuol dire avere soltanto qualche colpo di tosse secca, una febbricola al di sotto di trentasette e mezzo che dura uno o due giorni, un generale senso di stanchezza. Un bambino paucisintomatico sarà solo vagamente più abbattuto per 24-48 ore.
È la forma più difficile da individuare e da diagnosticare perché, avendo sintomi così modesti, spesso passa completamente inosservata.

UN BAMBINO PUÒ TRASMETTERE IL CORONAVIRUS ANCHE SE PAUCISINTOMATICO?
Un bambino paucisintomatico è in grado di trasmettere l'infezione da nuovo Coronavirus. Il suo secreto nasale e il tampone faringeo risulteranno positivi per il virus, anche se non presenta febbre o tosse importante.
Alcuni bambini paucisintomatici avranno anche una positività per il virus nelle urinenelle feci e sul tampone congiuntivale, quindi sulle lacrime.
Per questo motivo, tutti questi secreti devono essere gestiti con le dovute precauzioni per evitare che diventino possibili fonti di contagio.


Per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù direttamente sulla tua email, iscriviti alla newlsetter di A Scuola di Salute.


I SINTOMI DEL CORONAVIRUS NEI BAMBINI
sintomi del Coronavirus nei bambini possono essere diversi. Alcuni bambini sono asintomatici, quindi pur avendo l'infezione non hanno nessun sintomo. La maggior parte dei bambini sono appunto paucisintomatici: presentano una forma lieve di infezione alle vie respiratorie di solito con febbricola (sotto i 37,5°C), tosse, talvolta raffreddore, dolore alle articolazioni, stanchezza e a volte mal di gola.
Abbiamo poi, in una piccola percentuale di bambini, la possibilità di un coinvolgimento delle basse vie respiratorie: in questo caso, il bambino respira più velocemente del normale e può arrivare a rifiutare il cibo e quindi a disidratarsi.

QUALI SONO I SINTOMI PRINCIPALI
I sintomi principali sono a carico delle alte vie respiratorie: febbre, tosse secca, raffreddore. Può comparire anche stanchezza.
In un numero più contenuto di bambini di possono manifestare anche altri sintomi come mal di gola, rinite sierosa o senso di ostruzione nasale.
In una percentuale ancora più bassa di bambini, l'infezione si può invece manifestare con sintomi gastrointestinali, quindi dolore addominale, mal di stomaco, nausea, vomito e diarrea.
Questi sintomi possono o meno essere associati alla tosse e ai sintomi respiratori.

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.


a cura di: Francesca Calò Carducci
Unità Operativa di immunoinfettivologia pediatrica
in collaborazione con: