Nuovo Coronavirus: i progressi della medicina

Grazie alle conoscenze e alle tecnologie di oggi sono già stati messi a punto nuovi metodi per la diagnosi del SARS-CoV-2, inoltre nuovi farmaci e vaccini sono in fase di sviluppo
Stampa Pagina

10 marzo 2020


Negli ultimi trent'anni, sono comparsi almeno 30 nuovi virus nel Pianeta Terra: dall'Ebola negli anni '70 del secolo scorso, all'HIV (il virus dell'AIDS) negli anni '80, al Coronavirus della SARS agli inizi di questo secolo.
Il nuovo Coronavirus, si è materializzato in Cina nel dicembre dello scorso anno ed è stato chiamato SARS-CoV-2 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Si tratta quindi soltanto dell'ultimo virus, in ordine di tempo, di una lunga serie.

Nel novembre del 2002 si sviluppò in Cina un'epidemia, dapprima misteriosa, che si rivelò poi causata da un nuovo Coronavirus, il SARS-CoV. Ma le differenze tra l'epidemia di allora e quella di oggi sono davvero grandi.
L'epidemia di SARS, la Sindrome Respiratoria Acuta Grave, causò circa il 10% di decessi tra i soggetti infettati, mentre si stima che l'epidemia attuale causi un numero di morti almeno dieci volte inferiore. Siamo intorno al 2% di vittime tra i contagiati.
Insomma la mortalità è nettamente più bassa, forse non molto superiore a quella della comune influenza. In un mondo globalizzato il problema sono i valori assoluti e non le percentuali.
Nel 2003 il pianeta non era interconnesso - anche fisicamente - come oggi. Ciò che preoccupa è la crescita del numero dei contagiati.

Nel 2002, passarono 4 mesi prima che le Autorità cinesi segnalassero la comparsa di una nuova, strana infezione all'Organizzazione Mondiale della Sanità, e ce ne vollero 5 per scoprire che la causa dell'infezione era un nuovo Coronavirus, il SARS-CoV.
Adesso, son passate poche settimane tra la comparsa dell'infezione (agli inizi di dicembre) e la scoperta della causa, il Coronavirus SARS-CoV-2. Tempi molto più brevi.
Certamente è cambiato l'atteggiamento delle Autorità cinesi ed è molto migliorato il livello qualitativo della sanità cinese.
Forse, quel che più conta è che la biomedicina ha fatto passi da gigante. Inoltre la comunità scientifica ha scelto di condividere da subito tutte le ricerche e i lavori che avevano e hanno come oggetto questo virus.

L'epidemia di SARS, nel 2002, si verificò negli stessi mesi in cui veniva portato a termine il "Progetto Genoma".
Per scoprire le informazioni contenute nei geni dell'Homo sapiens erano occorsi quasi tredici anni, con il contributo di alcune tra le più brillanti menti della ricerca internazionale, l'invenzione di nuove tecnologie rivoluzionarie e più di 3 miliardi di dollari.
Oggi, per ripetere in laboratorio la stessa operazione occorrono all'incirca 1.500 dollari.
Il materiale genetico del Coronavirus è 100.000 volte più piccolo di quello dell'uomo. Non sorprende quindi che il corredo genetico del COVID-19 sia stato scoperto così rapidamente.
Con le conoscenze e le tecnologie di cui oggi disponiamo, sono già stati messi a punto nuovi metodi per la diagnosi di laboratorio, estremamente utili per contenere la diffusione dell'epidemia.


Alcuni nuovi farmaci sono ormai in sperimentazione e molti altri sono in fase di studio nei laboratori di mezzo mondo.
È iniziato lo sviluppo di vaccini che ci permetteranno di prevenire l'infezione.
 Le persone - gli scienziati e i cittadini tutti - possono informarsi con maggiore rapidità e accuratezza anche grazie ai social network, dove - per fortuna - non circolano solo notizie false.

Insomma sono molte, e molto valide, le ragioni per guardare agli sviluppi di questa epidemia senza nulla concedere al panico e alle paure irrazionali.

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:


ATTENZIONE
In caso dovessi accusare sintomi sospetti, prima di recarti in Ospedale, chiama il numero 1500. Avrai tutte le informazioni e le risposte alle tue domande, a cura degli specialisti del Ministero della Salute. Per altre informazioni, è possibile consultare il portale Salute Lazio.

Sfoglia online il Percorso di Cura e Salute sul Nuovo Coronavirus:


a cura di: Alberto Giovanni Ugazio
in collaborazione con: