Radiologia tradizionale

La radiografia è un esame privo di rischi visto che la quantità di radiazioni ionizzanti è estremamente bassa. Bisogna prestare più attenzione in gravidanza
Stampa Pagina

12 ottobre 2016

CHE COS'È
L'esame radiografico di qualsiasi parte del corpo, comunemente (ed erroneamente) chiamata "lastra", è un esame di primo livello che utilizza bassissime dosi di radiazioni ionizzanti per produrre immagini digitali del corpo umano.

A COSA SERVE
Ideale per una prima valutazione di molte regioni del corpo (ad esempio torace e scheletro).

COME SI ESEGUE
Non richiede anestesia o sedazione; talvolta nei bambini non collaboranti potrebbe essere necessario utilizzare attrezzature adeguate all'età del bambino (nastro, cunei di schiuma, sacchetti di sabbia) per eseguire l'esame correttamente (impedendo il movimento e la ripetizione dell'esame) ed in sicurezza (evitando le cadute). I sistemi di immobilizzazione possono lasciare temporaneamente dei segni sulla pelle molto fragile dei bambini più piccoli ma evita di dover ripetere un esame a causa del movimento o la caduta dal tavolo radiologico del bambino che è sicuramente peggio.Il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM) effettuerà l'esame spiegando cosa fare. Nel caso di bambini non collaboranti è richiesta la collaborazione di un genitore che, indossato il camice di piombo, rimarrà accanto al bimbo cercando di distrarlo e parlando con lui durante l'esame. 

QUALI SONO I LIMITI
I limiti sono intrinseci alla tecnica utilizzata, che non consente ad esempio uno studio degli organi addominali. 

POSSONO ESSERCI COMPLICANZE
L'unico rischio reale è la caduta dal lettino. La quantità di radiazioni ionizzanti utilizzata per gli esami di radiologia convenzionale è bassissima, paragonabile alla quantità di radiazioni di fondo naturale a cui viene esposto il nostro corpo in pochi giorni. La formazione del personale ed i controlli periodici delle attrezzature consentono di eseguire degli accertamenti diagnostici (in grado di fornire le informazioni necessarie per una diagnosi) con la minor dose possibile di radiazioni ionizzanti.

QUALI SONO LE CONTROINDICAZIONI
Una gravidanza (accertata, sospetta o anche solo possibile) rappresenta una potenziale controindicazione all'esecuzione di esami di radiologia tradizionale. In questi casi è importante avvisare il Medico Radiologo che valuterà la differibilità dell'esame.


a cura di: Paolo Tomà
Dipartimento Diagnostica per Immagini
In collaborazione con: