RITUXIMAB

Stampa Pagina

05 marzo 2020


NOME DEL FARMACO/PRINCIPIO ATTIVO

Rituximab

NOME COMMERCIALE
Mabthera

A COSA SERVE
Il Rituximab è un anticorpo monoclonale anti CD20, un farmaco biologico in grado di legarsi a un preciso "bersaglio". Questo farmaco, in particolare, si lega a una proteina chiamata CD20 e causa la morte delle cellule che la portano sulla membrana. Queste cellule sono i linfociti B, i globuli bianchi da cui derivano le plasmacellule che producono gli anticorpi. I linfociti B sono responsabili, fra l'altro, anche della produzione di auto-anticorpi, gli anticorpi diretti contro proteine del nostro organismo, importanti nello sviluppo di alcune malattie reumatologiche autoimmuni. Il Rituximab è stato inizialmente utilizzato per il trattamento dei linfomi, ma nel corso degli ultimi 20 anni ha trovato vasta applicazione nel trattamento di numerose malattie reumatologiche. Il farmaco viene utilizzato nel Lupus Eritematoso Sistemico, nella sindrome di Sjogren, nella Sclerodermia, nella Dermatomiosite giovanile e nelle vasculiti sistemiche.

PERCHÉ È IMPORTANTE CHE MIO FIGLIO LO PRENDA
Il Rituximab è un farmaco efficace ed è spesso utilizzato in caso di mancata risposta ad altre terapie immunosoppressive più convenzionali e nel trattamento di manifestazioni anche gravi. La risposta non è rapida (il farmaco impiega qualche settimana per mostrare i suoi effetti) ma ha una durata di almeno sei mesi. 

IN CHE FORMA È DISPONIBILE
Concentrato da 100 mg, 500 mg e 1400 mg soluzione per iniezione sottocutanea.

QUANTO DEVE PRENDERNE E QUANTE VOLTE
Spetta al medico specialista stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino. La frequenza, il numero di somministrazioni e il dosaggio del farmaco sono definite dal medico specialista. Queste variano in relazione alla malattia da trattare e alla risposta del singolo paziente a ciascun ciclo di terapia. In considerazione dell'efficacia e della durata dell'effetto immunosoppressivo del Rituximab, può essere efficace anche un singolo ciclo di terapia, ripetuto in caso di necessità.

COME DEVE PRENDERLO
Il Rituximab si somministra per via endovenosa. Ciascuna infusione è preceduta dalla somministrazione di cortisone e antistaminico, utili a prevenire eventuali reazioni allergiche.

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI PIÙ IMPORTANTI
Le reazioni all'infusione possono essere piuttosto frequenti. Tuttavia, diminuiscono quando viene eseguita un'adeguata premedicazione con cortisone a antistaminico.
Le reazioni possono consistere in: 

- Orticaria;
- Difficoltà a respirare o a deglutire;
- Giramenti di testa;
- Percezione insolita del battito del cuore (palpitazioni);
- Pressione bassa.

Le reazioni tardive (48 ore) sono più rare, con febbre e dolori alle articolazioni. Poichè il Rituximab elimina alcune cellule del sistema immunitario, va posta una certa attenzione all'eventuale comparsa di infezioni, soprattutto virali, a carico delle vie aeree, della cute e del sistema gastrointestinale. Il trattamento con Rituximab può riattivare infezioni croniche virali, anche in fase latenza. È pertanto indicato uno screening virologico, in particolare per epatite B e C, che se positivo costituisce una controindicazione al trattamento. Poiché i linfociti B eliminati dal Rituximab sono responsabili della produzione di anticorpi, è possibile riscontrare una loro diminuzione (ipogammaglobulinemia).

PUÒ PRENDERE ALTRI MEDICINALI
In considerazione dell'aumento del rischio di infezioni, l'assunzione di Rituximab è controindicata durante l'uso di altri farmaci biologici, a meno che non sia strettamente necessario.

COS'ALTRO POSSO SAPERE SU QUESTA MEDICINA
In corso di terapia con Rituximab sono controindicate le vaccinazioni con virus vivi attenuati (resi incapaci di causare la malattia), come morbillo-parotite-rosolia e varicella. Lo studio delle sottopopolazioni dei linfociti, in particolar modo dei livelli dei linfociti B, è uno strumento molto utile per tenere sotto controllo l'azione del farmaco e per programmare, se necessario, nuovi cicli di infusioni.

COME SI CONSERVA
Il Rituximab viene conservato in Ospedale in frigorifero a 2 °C – 8 °C tenendo il contenitore nell'imballaggio esterno per proteggerlo dalla luce.


a cura di: Fabio Basta
Unità Operativa di Reumatologia
In collaborazione con: