Trauma dentale

Stampa Pagina

16 maggio 2016

COS'È

Il trauma dentale è un evento molto frequente che può riguardare sia bambini in età pre-scolare (dentizione decidua, i cosiddetti denti da latte), che ragazzi in età scolare (in dentizione mista o definitiva). Uno studio condotto in Europa ha dimostrato che il 15% dei bambini in età prescolare e il 20-25% di quelli in età scolare ha subito un trauma dentale.
 

TIPI DI TRAUMA

- traumi ai tessuti duri del dente (smalto, dentina, cemento) con o senza interessamento della polpa;
- traumi ai tessuti di sostegno del dente (tessuto osseo, legamento, gengiva).
 

COSA FARE IN CASO DI INCIDENTE

L'evento traumatico è, per il bambino che lo subisce e per l'adulto che gli è vicino, un episodio drammatico, che necessita di un intervento il più tempestivo possibile. È considerata un'urgenza reale, perché spesso, tanto più tempestivo è l'intervento, tanto maggiori sono le possibilità di risolvere il problema. Il bambino va tranquillizzato: spesso la preoccupazione del genitore traumatizza il bambino più dello stesso incidente.
 

SE IL TRAUMA INTERESSA LA DENTIZIONE DECIDUA (DENTI DA LATTE)

In questo tipo di trauma, oltre al dente coinvolto, può essere stato danneggiato anche il dente permanente che si sta formando al di sotto del dente da latte. In questo caso, l'intervento è mirato a ridurre al minimo le possibili complicanze sul dente definitivo. A carico del dentino da latte interessato si procederà semplicemente, ove necessario, a lucidare eventuali bordi taglienti per evitare lacerazioni del labbro e si procederà a controlli periodici per escludere necrosi tardive (il dentino si scurisce e può comparire una bollicina sulla mucosa sovrastante il dente). In caso di necrosi si interviene con le terapie odontoiatriche opportune o con l'estrazione del dente. Se il trauma causa lo spostamento del dente deciduo dalla sua posizione d'origine si attende un riposizionamento naturale. Analogamente, in caso di avulsione (perdita completa) del dente deciduo non si effettua il reimpianto per il rischio di danneggiare il dente permanente sottostante. Se il trauma fa penetrare il dente deciduo nella gengiva, la radice del dente può danneggiare il dente permenete che sta formandosi. I danni più frequenti sono: ipoplasie dello smalto, arresto dello sviluppo del dente permanente o una sua alterazione morfologica della corona e/o della radice (dilacerazione). Tali anomalie si manifesteranno in fase di eruzione fisiologica del dente permanente.


COSA FARE SE IL TRAUMA INTERESSA I DENTI PERMANENTI

Se l'elemento si è spezzato, cercare il frammento e conservarlo in soluzione fisiologica, latte o saliva; riattaccare il frammento è spesso la terapia più efficace. Se il dente ha perso la sua vitalità andrà eseguita una terapia canalare.Se il dente è fuoriuscito completamente dalla sua sede (avulsione), bisogna conservarlo in soluzione acquosa (fisiologica, latte o saliva) senza detergerlo per non alterare le fibre parodontali e contattare immediatamente l'ambulatorio odontoiatrico. Nel caso di avulsioni complete, infatti, il reimpianto del dente entro le due ore può avere buone possibilità di successo. Il dente traumatizzato va tenuto sotto controllo per un lungo periodo di tempo al fine di monitorare eventuali danni tardivi che, se individuati tempestivamente, possono essere limitati nella loro gravità.


in collaborazione con: 
Bambino Gesù Istituto per la Salute