WARFARIN USO ORALE

Stampa Pagina

26 febbraio 2019

NOME FARMACO/PRINCIPIO ATTIVO

Warfarin Sodico

NOMI COMMERCIALI
Coumadin

AVVERTENZE
Il farmaco Warfarin è indicato negli adulti. Il Warfarin è un farmaco dal ristretto "indice terapeutico", vale a dire che occorre evitare anche le minime variazioni delle dosi consigliate. 

A COSA SERVE 
ll Warfarin è un farmaco anticoagulante indicato nella prevenzione della trombosi venosa profonda (formazione di coaguli, in particolar modo nelle gambe) o di eventi tromboembolici (distacco di un frammento di un coagulo). Questo farmaco è inoltre utilizzato in caso di protesi valvolari cardiache meccaniche, trombosi intracardiaca (coaguli che si formano all'interno del cuore o dell'aorta), infarto miocardico acuto e profilassi del reinfarto. L'infarto miocardico acuto, popolarmente noto come "attacco di cuore" si verifica quando un coagulo ostruisce il flusso sanguigno diretto al cuore, che può essere in questo modo danneggiato.

PERCHE' E' IMPORTANTE CHE MIO FIGLIO LO PRENDA
Il Warfarin è in grado di prevenire la formazione di coaguli che vanno ad ostruire i vasi sanguigni. I coaguli si formano molto facilmente in alcune malattie che interessano il cuore e il sangue. 

IN CHE FORMA E' DISPONIBILE
Il farmaco Warfarin è disponibile come:
        - Compresse divisibili da 5 mg 

QUANTO DEVE PRENDERNE E QUANTE VOLTE AL GIORNO
Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il vostro bambino e per quante volte al giorno. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo che seguiate scrupolosamente la prescrizione del medico. È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose. Il medico eseguirà regolarmente esami del sangue per accertarsi che il sangue del bambino sia adeguatamente coagulato.

COME DEVE PRENDERLO
Compresse divisibili
Le compresse di Warfarin devono essere ingerite con un bicchiere d'acqua, latte o succo di frutta. Le compresse possono essere inoltre triturate e mescolate con una piccola quantità di cibo morbido come yogurt, miele o marmellata. Bisogna assicurarsi che il bambino ingerisca tutto senza masticare.
Di regola, il Warfarin viene assunto una volta al giorno alla stessa ora, preferibilmente lontano dai pasti e nelle ore centrali del pomeriggio (o la sera prima di andare a letto).
Dato che sono necessari aggiustamenti di dosaggio le compresse presentano dei solchi che facilitano la frammentazione.
Le compresse contengono lattosio che è controindicato in bambini intolleranti a questo eccipiente, oppure quando sono presenti rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio o da malassorbimento di glucosio-galattosio.
E' comunque sempre necessario leggere il foglietto illustrativo e non far assumere il farmaco al bambino se è allergico a Warfarin o a uno degli eccipienti della formulazione.

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI PIU' IMPORTANTI
Bisogna rivolgersi al medico se si verificano emorragia nasale, sanguinamento insolito da qualsiasi altra parte del corpo e lividi inspiegabili poiché la dose di Warfarin potrebbe essere troppo alta.
Se le feci del bambino sembrano nere o rosse, o se l'urina è arancione scuro o rossa, potrebbe essere un segno di sanguinamento all'interno del corpo.
Altri effetti collaterali legati al farmaco sono crampi allo stomaco, nausea o vomito. Pertanto, è consigliabile somministrare il Warfarin con una piccola quantità di cibo (es. yogurt, miele, marmellata) per prevenire questi sintomi.
Potrebbero insorgere inoltre eruzioni cutanee e, raramente, caduta o assottigliamento dei capelli.
È importante riferire al medico qualsiasi effetto indesiderato che si ritiene possa essere  causato dal farmaco.

COSA SUCCEDE SE NE PRENDE TROPPO
Se il bambino assume una dose eccessiva di Warfarin potrebbe verificarsi un sanguinamento anormale (ad esempio presenza di sangue nelle feci o nell'urina, petecchie, predisposizione ai lividi, o sanguinamento persistente da ferite superficiali, inspiegabile riduzione dell'emoglobina). È necessario contattare immediatamente il medico o rivolgersi all' ospedale più vicino. 

PUO' PRENDERE ALTRI MEDICINALI
È sempre bene riferire al medico se il bambino sta assumendo altri farmaci per evitare interazioni con potenziali effetti indesiderati o perdita di efficacia del farmaco.
Il Warfarin è un farmaco che presenta un grande numero di interazioni con altri farmaci che possono alterare la coagulazione del sangue o che possono interferire con il suo metabolismo. Non si devono somministrare medicinali contenenti ibuprofene, acido acetilsalicilico o paracetamolo (o altri antiinfiammatori appartenenti alla stessa classe di quelli citati), che possono modificare la coagulazione, a meno che non siano stati consigliati da un medico. E' stato anche dimostrato che antibiotici fluorochinolonici (ad esempio la ciprofloxacina) ed antifungini (come il fluconazolo) possono modificare l'effetto anticoagulante del Warfarin. L'assunzione contemporanea di Warfarin e di altri antiaggreganti piastrinici (ad esempio ticlodipina, clopidogrel o acido acetilsalicilico) e trombolitici (streptochinasi, alteplasi) può determinare un aumento dell'effetto anticoagulante. E' inoltre importante sapere che medicinali a base di erbe (come Iperico, Ginseng, Passiflora, Liquirizia, e molti altri) o integratori contenenti vitamine (soprattutto la vitamina K), possono modificare l'effetto del farmaco in modo imprevisto.

COSA SUCCEDE SE SALTA UNA DOSE
Se ci si accorge che il bambino ha saltato la dose di Warfarin e non sono passati 30 minuti, ridare la dose. Se invece sono già passati 30 minuti, non ridare la dose ma attendere l'orario successivo.

Attenzione: mai somministrare una doppia dose di Warfarin.

COSA SUCCEDE SE MIO FIGLIO VOMITA
Se il bambino prende il Warfarin e vomita prima di 30 minuti, ridare la dose. Se il bambino prende il Warfarin e vomita dopo 30 minuti, non ridare la dose ma attendere l'orario successivo.

QUANTO CI VUOLE PER FARE EFFETTO
Il Warfarin inizierà immediatamente a fare effetto, anche se non si noterà alcun cambiamento nel bambino. Il medico deve controllare, mediante esami specifici, lo stato di coagulazione del sangue e stabilire su questa base se è necessario modificare la dose. Per questo è importante non modificare la dose senza prima aver consultato il medico.

COS'ALTRO POSSO SAPERE SU QUESTA MEDICINA
E' bene informare ogni medico, infermiere o dentista dell'assunzione di Warfarin.
È importante assicurarsi che il sangue non coaguli troppo facilmente, ed è bene prestare attenzione ad esempio all'entità del sanguinamento quando il bambino si ferisce accidentalmente. Bisogna leggere attentamente il foglietto illustrativo nella sezione dove sono elencati gli eccipienti nel caso in cui si è a conoscenza di malattie o allergie specifiche.

ALLATTAMENTO 
Se si assume il farmaco mentre si sta allattando, non c'è pericolo per il bambino in quanto il Warfarin non passa nel latte materno. 

COME DEVO CONSERVARE QUESTA MEDICINA
Warfarin
deve essere conservato a temperatura non superiore a 30°, lontano da fonti di calore e dalla luce solare diretta e assicurarsi che i bambini non possano vedere o raggiungere il farmaco. Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata. Tenere in luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglietto illustrativo.

Per ulteriori informazioni:
         - https://farmaci.torrinomedica.it/coumadin/#SP13
         - https://www.medicinesforchildren.org.uk/warfarin-treatment-and-prevention-thrombosis
         - https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/tools-della-salute/glossario-delle-malattie/infarto-del-miocardio


a cura di: Dott.ssa Tiziana Corsetti, Dott.ssa Antonella Mongelli  
in collaborazione con:

Bambino Gesù Istituto per la Salute