Allattamento al seno e miopia

Le mamme miopi possono allattare con serenità: l'allattamento non peggiora in nessun modo la miopia 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità e le principali Società Scientifiche pediatriche (l'Accademia Americana di Pediatria e, in Italia, la Società Italiana di Pediatria e la Società Italiana di Neonatologia), nonché il Ministero della Salute, consigliano di allattare al seno in maniera esclusiva fino ai 6 mesi di vita del bambino, di continuare fino all'anno di età integrando l'allattamento con alimenti complementari e di continuare fino al secondo anno di vita e oltre se la mamma e il bambino lo desiderano.


Tali considerazioni si basano su studi scientifici che esaltano le qualità benefiche dell'allattamento e del latte materno comunque somministrato, anche quando destinato a bambini con problematiche di salute o nati molto pretermine.
Negli anni, progressivamente, sono state chiarite alcune condizioni che interessano la mamma o il bambino, che possono influenzare la buona riuscita dell'allattamento e che in parte spiegano un tasso di allattamento attualmente non ottimale. Una di queste riguarda i rapporti tra miopia e allattamento.


La miopia è un vizio refrattivo dell'occhio che si manifesta in età scolare, tende ad aumentare durante lo sviluppo del bambino e si stabilizza intorno ai 20-25 anni, ma può peggiorare anche nelle età successive. Si stima che tale problema interessi circa il 25% della popolazione italiana.
Ebbene, in alcuni casi viene suggerito a una mamma miope di non allattare o di allattare per un breve periodo perché allattare provocherebbe un peggioramento della miopia.

È bene sottolineare fin da subito che questa affermazione non è veritiera. Una mamma miope può allattare al seno, in quanto la miopia non peggiora a causa dell'allattamento. Allattare, infatti, non si associa ad alcun rischio per la vista, neppure se la mamma in partenza è già miope e non esiste alcuna prova scientifica che gravidanza, puerperio e allattamento possano aggravare una miopia preesistente.

In alcune occasioni, a volte già durante la gravidanza, viene riferita dalla donna una diminuzione dell'acuità visiva. Si tratta di un fenomeno normale, causato dagli importanti cambiamenti ormonali tipici di questo periodo.
Il motivo è rappresentato dalla modifica dell'elasticità e del grado di idratazione dei tessuti che compongono l'occhio. Il progesterone, in particolare, sembrerebbe in grado di poter indurre un aumento dello spessore della cornea. Tutto questo è reversibile e rientra nella norma, seppure gradualmente, nei mesi successivi al parto.


Terminato il periodo dell'allattamento, alcune mamme potrebbero constatare che la loro miopia è effettivamente peggiorata. La spiegazione risiede nel fatto che la miopia, come già detto, può avere una naturale evoluzione nel tempo e, tra gravidanza e allattamento, possono passare molti mesi.
Dopo un lungo periodo la vista può quindi peggiorare in maniera del tutto naturale, senza alcun contributo da parte dell'allattamento. Il trascorrere del tempo, e non l'allattamento, è responsabile del peggioramento della miopia!
Possiamo quindi affermare nuovamente che il divieto di allattare, se la mamma è miope, rientra nei "falsi miti" e per la madre miope non ci sono motivi per astenersi dall'allattamento.

Gli studi effettuati hanno dimostrato che allattare non esercita alcun effetto protettivo sullo sviluppo, nel bambino e nell'adolescente, di vizi refrattivi oculari (tra i quali rientra la miopia).
Per aumentare il numero delle donne che allattano c'è quindi bisogno dell'aiuto non solo di chi si occupa a pieno regime dei bambini (ad esempio i Pediatri, le Infermiere Pediatriche, le Ostetriche), ma anche di tutti gli operatori sanitari che interagiscono con le mamme. In questo caso, gli specialisti in oculistica hanno un ruolo di primo piano.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Patrizia Amadio*, Guglielmo Salvatori**
    *Dipartimento Medico Chirurgico del Feto-Neonato-Lattante
    **Unità Operativa di Educazione Nutrizionale Neonatale e BLUD**
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 23 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net