Allattamento e caduta dei capelli

I capelli della donna, durante la gravidanza, appaiono particolarmente belli e resistenti. Spesso, però, tali caratteristiche vengono perse nei primi mesi dopo il parto 

Il motivo di tale cambiamento risiede soprattutto nell’elevata quantità di estrogeni prodotti dalla placenta durante la gravidanza e dalla loro repentina riduzione subito dopo il parto. Gli estrogeni, infatti, agiscono sul ciclo vitale del capello mantenendolo più a lungo in fase di crescita (la cosiddetta fase anagen), mentre la loro riduzione ne induce il passaggio alla fase seguente, quella di riposo e di caduta (fase telogen).

Inoltre, in gravidanza, è ridotta l’attività delle ghiandole sebacee e anche questo contribuisce a donare al capello un aspetto particolarmente lucente. 
Dopo il parto gli ormoni androgeni (testosterone e suoi derivati), non più bilanciati dagli estrogeni, stimolano l’attività delle ghiandole sebacee e di conseguenza il cuoio capelluto risulta più grasso e i capelli più untuosi. Il risultato è la presenza di forfora, più o meno accentuata.

Da quanto detto, quindi, si deduce che la perdita dei capelli coincide con il periodo dell’allattamento, ma non ne è la conseguenza, anche se la prolattina, ormone che stimola la produzione del latte, può accelerare il passaggio dalla fase di crescita a quella di caduta del capello.

L’andamento è caratterizzato da una fase più intensa di caduta dei capelli della durata di circa tre mesi e da un ritorno a un ritmo di caduta “normale” (circa 100 al giorno) nel periodo che va dai 6 ai 12 mesi dopo il parto.
Non esiste una terapia che possa risolvere il problema in breve. L’applicazione locale di estrogeni, in particolare, non trova alcuna indicazione.

I consigli da offrire seguono il buon senso: non effettuare pettinature aggressive e non utilizzare piastre o acconciature che, mettendo i capelli in trazione, ne possano favorire la caduta. Meglio non effettuare lavaggi frequenti e asciugare i capelli all’aria o con un fon, ma non ad alta temperatura.
Nel caso in cui la caduta dei capelli dovesse essere particolarmente intensa, il consiglio è quello di rivolgersi, per una consulenza, a un dermatologo. 

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù


  • A cura di: Guglielmo Salvatori, Patrizia Amadio
    Unità Operativa Educazione Nutrizionale Neonatale e Banca del Latte Umano Donato
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 24 giugno 2022


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net