Bambini con patologie complesse: formazione dei genitori sulla gestione della emergenza domiciliare

La mortalità per arresto cardiorespiratorio fuori dall'ospedale nei bambini è elevata. I corsi di rianimazione cardiopolmonare consentono di prestare soccorso 

L'arresto cardiorespiratorio extraospedaliero in età pediatrica si verifica in circa 1/10.000 bambini per anno nei paesi industrializzati, i 2/3 dei quali sono bambini con meno di 18 mesi di vita. Circa il 45% è causato da cause indeterminate, tra cui la morte improvvisa in culla. Per il resto le cause principali sono: trauma (20%), patologie croniche (10%), insufficienza respiratoria (6%). 
La mortalità per arresto cardiorespiratorio fuori dall'ospedale nei bambini è elevata.
Quando la rianimazione viene avviata presto da persone che assistono all'evento, la sopravvivenza aumenta. La maggior parte dei sopravvissuti ha un buon esito neurologico a lungo termine. 

Diffondere la formazione alla Rianimazione Cardiopolmonare (RCP) di base nella comunità, in particolare tra le persone che hanno maggiori probabilità di assistere a un arresto cardiaco che avviene fuori dall'ospedale, può ulteriormente migliorare la prognosi.
I corsi di Rianimazione Cardiopolmonare di base e disostruzione delle vie aeree rivolti ai non sanitari permettono di aumentare il numero di persone in grado di prestare immediatamente soccorso in caso di arresto cardiaco o di ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo, in attesa dei soccorsi avanzati.

La catena della sopravvivenza descrive la serie di interventi la cui esecuzione precoce, rapida e coordinata può consentire la sopravvivenza degli adulti e bambini colpiti da arresto cardiaco.
Il rispetto di tutti gli anelli della catena (una chiamata tempestiva ed efficace dei soccorsi avanzati 112/118, una rianimazione cardiopolmonare precoce e corretta, una diffusione capillare del defibrillatori semiautomatici/DAE, le cure avanzate da parte del personale medico) è fondamentale quando si verifica un arresto cardiaco improvviso.

Bambini con patologie complesse: formazione dei genitori sulla gestione della emergenza domiciliare

Gli obiettivi sono:

  • Istruire i genitori ed in generale i caregivers (coloro che si prendono cura del bambino) di neonati con prematurità e con patologie croniche complesse con aumentato rischio di morte improvvisa sulla gestione dell'emergenza domiciliare;
  • Aumentare la sicurezza a domicilio dei pazienti in dimissione dai reparti di terapia intensiva/sub-intensiva neonatale e chirurgia neonatale, istruendo i loro genitori sulle manovre di Rianimazione Cardio Polmonare di base e disostruzione delle vie aeree da corpo estraneo.

Bambini con patologie complesse: formazione dei genitori sulla gestione della emergenza domiciliare

Bambini con patologie complesse: formazione dei genitori sulla gestione della emergenza domiciliare


Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Anna Maria Caterina Musolino
    Unità Operativa di Pediatria dell'Emergenza
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 25 aprile 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net