Bilinguismo: quando in famiglia si parlano due lingue

Regioni in cui convivono da sempre lingue diverse o genitori che parlano lingue diverse. Sono situazioni in cui il bambino impara a utilizzare più lingue allo stesso modo 

Si parla di bilinguismo quando una persona è in grado di utilizzare nello stesso modo due (o più) lingue diverse. Esistono diverse condizioni di bilinguismo che possono dipendere dall'età di acquisizione della seconda lingua:

  • Il bilinguismo simultaneo: in cui il bambino si trova ad ascoltare (viene esposto) contemporaneamente due lingue sin dalla nascita o almeno entro il primo anno di vita;
  • Il bilinguismo sequenziale precoce: esposizione alla seconda lingua tra i 2-3 e gli 8-10 anni di vita;
  • Il bilinguismo sequenziale tardivo: introduzione della seconda lingua dopo gli 8-10 anni.

Ci sono situazioni diverse in cui il bambino è esposto a più lingue: basti pensare a quelle regioni in cui convivono da sempre lingue diverse, come l'Alto Adige o Il Piemonte, e che sono culturalmente organizzate per questo, a scuola (con i libri e con i docenti) o in società (cartellonistica, uffici pubblici, negozi) e che quindi ne supportano meglio l'acquisizione.


Un'altra condizione di bilinguismo è quella che deriva dall'esposizione a una seconda lingua dovuta al trasferimento da una nazione all'altra o alla presenza di genitori che parlano lingue diverse. Situazioni, come si può immaginare, molto diverse tra loro e piuttosto comuni nella nostra società.


Nel primo caso (convivenza di lingue diverse nello stesso territorio) si può parlare di bilinguismo bilanciato, nel secondo caso, più frequente, si parla di bilinguismo dominante. In questo tipo di bilinguismo, il bambino apprende meglio la lingua che ascolta, come nel caso di bambini che con le loro famiglie si trovano in un Paese estero. 

I bambini bilingui sono più intelligenti dei bambini monolingui?
No, ma è vero che imparano prima a "destreggiarsi" in situazioni che richiedono una decisione, perché già abituati a scegliere continuamente che lingua utilizzare: in che lingua rispondo?
Inoltre hanno sviluppato una maggiore flessibilità nella comunicazione secondo il contesto: con mamma o papà, a scuola o con i fratelli.

Il bilinguismo causa ritardi o disturbi di linguaggio?
No, se il bambino è ben esposto e stimolato al linguaggio in entrambe le lingue percorre generalmente le stesse tappe di sviluppo dei bambini monolingui. Talvolta può presentare tempi di apprendimento lievemente più lunghi nella comparsa delle prime parole o nella risposta. Questo lieve allungamento dei tempi di apprendimento non si può considerare un vero e proprio ritardo del linguaggio e, meno che mai, un disturbo di linguaggio.
I bambini bilingui però, possono avere un disturbo di linguaggio, né più né meno come i bambini monolingui, ma il bilinguismo non ne è la causa.

I bambini con disturbo di linguaggio devono usare una sola lingua?
No, recenti studi dimostrano che il bambino con disturbo del linguaggio può trarre dei vantaggi dall'esposizione a due lingue, anche quando sta effettuando una terapia riabilitativa (per esempio logopedia o neuropsicomotricità). È però opportuno considerare in modo adeguato diversi contesti: bilinguismo simultaneo o sequenziale, bilanciato o prevalente, contesto familiare e sociale, tipologia e gravità del disturbo del linguaggio, possibilità di terapia in una o due lingue (molto rara). 

  • Un genitore, una lingua: La prima cosa da fare è parlare al bambino nella propria lingua, ovvero quella in cui è più bravo. La stimolazione linguistica del bambino sarà più corretta in entrambe le lingue e potrà avvenire più facilmente il passaggio da una lingua all'altra;
  • Comunicare in situazioni sociali e affettive: È importantissimo utilizzare entrambe le lingue in contesti comunicativi significativi, ricchi di condivisione affettiva e sociale. Inoltre, l'apprendimento linguistico viene facilitato, specialmente nelle prime fasi dello sviluppo, dal contatto con gli occhi, con il movimento delle labbra e in generale con il volto di chi gli parla;
  • Mantenere la lingua del cuore: Non abbandonare la propria lingua di origine anche se si vive in un contesto culturale differente dal proprio. La lingua madre viene infatti definita anche come "lingua del cuore" perché è tramite quest'ultima che riescono a essere trasmessi meglio le emozioni e gli affetti. Inoltre, essa fa parte della dimensione sociale dell'individuo, è alla base dei rapporti con la famiglia e mantiene il legame con il proprio paese d'origine;
  • Date tempo al vostro bambino: Specialmente nelle prime fasi di esposizione al linguaggio, aspettate con pazienza la risposta del vostro bambino e non incalzatelo con nuove domande o con la richiesta di ripetizione di parole o frasi. In quel silenzio sta elaborando il proprio pensiero verbale, lasciatelo fare e mantenete sempre il vostro sguardo su di lui.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Luigi Marotta, Elena Pellegrini, Claudia Sepe
    Unità Operativa Degenza Riabilitativa UDGEE
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 09 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net