Bulimia Nervosa

Un disturbo del comportamento alimentare che può presentarsi durante l'adolescenza e richiede un intervento terapeutico basato sulla psicoterapia 

La bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dall'ingestione occasionale e compulsiva di grandi quantità di cibo e da comportamenti volti a compensare le abbuffate.

Il termine bulimia deriva da due parole greche: bus che significa bue e limos che significa fame. Quindi bulimia significa "avere una fame da bue". "Nervosa" indica che i sintomi sono di origine psicologica.

La bulimia nervosa può manifestarsi durante l'adolescenza o nel giovane adulto.

In Italia, sia per l’anoressia, sia per la bulimia nervosa la fascia di età per l’esordio è 15 – 19 anni, con una tendenza negli ultimi anni a un esordio sempre più precoce.
Secondo i dati divulgati dal Ministero della Salute, l’incidenza della Bulimia Nervosa è stimata in almeno 12 nuovi casi per 100.000 persone in un anno per il genere femminile, e di circa 0.8 nuovi casi per 100.000 persone/anno per il genere maschile.

Le persone che ne soffrono tendono a tenere nascosto il disturbo e a mantenere un peso in linea con quello atteso per età e sesso.

Questo rende la bulimia un disturbo più difficile da identificare rispetto all'anoressia. Tuttavia, è una malattia altrettanto grave che può compromettere in modo importante sia il funzionamento fisico sia quello psichico dell'adolescente.

Le cause della bulimia nervosa possono essere diverse: eventi ambientali e familiari possono rappresentare i fattori scatenanti, così come una vulnerabilità psicologica individuale.

Di conseguenza, il trattamento richiede la collaborazione di diverse figure professionali, che lavorando insieme possono accompagnare il giovane paziente e la sua famiglia nel percorso di cura e di guarigione. Questo non riguarda solo la risoluzione del comportamento alimentare disfunzionale, ma anche del disagio emotivo sottostante.

La bulimia nervosa si caratterizza per la presenza di ricorrenti episodi di ‘abbuffate di cibo’ con la frequenza di almeno una volta alla settimana per tre mesi, associati a comportamenti di compenso inappropriati quali il vomito autoindotto, l'uso inappropriato di lassativi, diuretici o clisteri, il digiuno, il ricorso a periodi di dieta estremamente restrittiva o l'esercizio fisico strenuo, allo scopo di prevenire l'aumento del peso.

Inoltre, la stima di sé appare eccessivamente influenzata dal peso e dalla forma del corpo, che vengono percepiti come inadeguati.

La diagnosi di bulimia nervosa può essere fatta se i sintomi sono presenti una volta a settimana per almeno tre mesi.
Vanno presi in considerazione:

  • Episodi ricorrenti di abbuffate che si verificano, in media, almeno 1 volta la settimana per 3 mesi;
  • Comportamenti ricorrenti di compensazione per contenere il peso corporeo in media, almeno 1 volta a settimana per 3 mesi;
  • Scarsa stima di sé, indebitamente influenzata dalla forma del corpo e dal peso corporeo.

La cura della bulimia nervosa si concentra su diversi aspetti:

  • Identificazione dei disagi psicologici profondi e sottostanti il disturbo;
  • Il riconoscimento della fame fisiologica da quella "psicologica" (o nervosa);
  • Una migliore gestione delle proprie emozioni.

La bulimia richiede interventi su più fronti che prendano in considerazione i vari fattori che sono alla base di questo disturbo.

Anzitutto la psicoterapia individuale e familiare con psicoterapeuti esperti dell'età adolescenziale e dei disturbi dell'alimentazione, seguita da una riabilitazione alimentare che consiste in diete che permettano di ripristinare le normali abitudini alimentari.

Talvolta, a giudizio del medico, può rendersi necessario il ricorso ad antidepressivi o altri farmaci con lo scopo di curare eventuali disturbi associati alla bulimia. I farmaci antidepressivi risultano efficaci quando è presente una flessione del tono dell'umore e depressione.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Valeria Zanna
    Unità Operativa di Anoressia e Disturbi Alimentari
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 26  Luglio 2022 


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net