Clonidina

Catapresan

La Clonidina è un medicinale utilizzato per il trattamento di tutte le forme di ipertensione arteriosa, malattia caratterizzata da un'elevata pressione del sangue.
Attenzione: L'uso di Clonidina non è raccomandato nei soggetti pediatrici al di sotto dei 18 anni di età. Spetta al medico stabilire se è necessario che il bambino assuma il farmaco.

La Clonidina è un medicinale in grado di ridurre la pressione del sangue attraverso il rilassamento e la dilatazione dei vasi sanguigni. La pressione troppo alta (ipertensione) può provocare nel tempo danni al cuore ed altri organi.

      - Compresse da 150 mcg; da 300 mcg.

Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino e per quante volte al giorno. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo seguire scrupolosamente la prescrizione del medico. È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose.

Le compresse di Clonidina devono essere deglutite con un bicchiere di acqua, latte o succo di frutta. Il bambino non deve masticare le compresse. Nel caso in cui il bambino non è in grado di deglutire è possibile schiacciare le compresse e mescolarle con una piccola quantità di cibo morbido come yogurt, miele o marmellata. È importante controllare che il bambino ingoi subito senza masticare.
Le compresse di Clonidina contengono lattosio che è controindicato in bambini intolleranti, oppure quando sono presenti rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio o da malassorbimento di glucosio-galattosio.

La Clonidina dovrebbe iniziare a funzionare, riducendo i sintomi, entro 45 minuti circa dall'assunzione.

Gli effetti collaterali più comuni dovuti all'assunzione della Clonidina sono: disturbi gastrointestinali (nausea, vomito, inappetenza, costipazione, secchezza della bocca), disturbi del sistema nervoso (stanchezza, confusione, disturbi percettivi, allucinazioni, depressione), malessere generale, disturbi dermatologici (rush cutaneo, orticaria, prurito, alopecia).
È bene leggere il foglietto illustrativo nella sezione dove sono riportati tutti gli effetti collaterali.

Somministrare troppa Clonidina al bambino può essere molto pericoloso perché si potrebbe verificare un eccessivo abbassamento della pressione sanguigna (il bambino può avvertire capogiri e talvolta svenire). Nel caso in cui si somministra una dose eccessiva di Clonidina al bambino è necessario contattare immediatamente il medico o portare il bambino al pronto soccorso più vicino.

È sempre bene riferire al medico se il bambino sta assumendo altri farmaci per evitare interazioni con potenziali effetti indesiderati o perdita di efficacia del farmaco.
L'azione della Clonidina di abbassare la pressione può essere potenziata dalla somministrazione contemporanea di altri farmaci antipertensivi, perciò è bene prestare particolare attenzione alla somministrazione concomitante di diuretici, calcio antagonisti e ACE inibitori. Al contrario l'azione terapeutica della Clonidina potrebbe essere inibita dall'assunzione contestuale di FANS (antinfiammatori non steroidei), antidepressivi o altri farmaci che aumentano la ritenzione idro-salina. Si consiglia di leggere attentamente il foglietto illustrativo nella sezione dove sono riportate tutte le interazioni con altri medicinali.

Se ci si dimentica di somministrare una dose al bambino, provvedere al più presto a somministrare la dose dimenticata; tuttavia se è ormai prossima l'ora di somministrare la dose successiva, non somministrare la dose dimenticata e proseguire seguendo lo schema indicato dal medico.
Attenzione: Non somministrare mai una doppia dose di Clonidina. Non interrompere mai improvvisamente la somministrazione del farmaco al bambino.

Se il bambino vomita entro 30 minuti dopo aver assunto una dose di Clonidina è opportuno somministrare nuovamente la stessa dose.
Se, invece, il bambino vomita dopo più di 30 minuti dall'assunzione della dose di Clonidina non è necessario somministrare un'altra volta la stessa dose; attendere fino all'orario della dose successiva.

La Clonidina passa nel latte materno, pertanto l'uso di questo medicinale durante l'allattamento non è raccomandato.

Le compresse di Clonidina non devono essere somministrate a bambini con bradiartimia grave, vale a dire da un'alterazione del ritmo cardiaco caratterizzata da un ritmo cardiaco lento e irregolare. L'uso del medicinale è controindicato in caso di rare condizioni ereditarie che possono essere incompatibili con uno degli eccipienti del prodotto.
Proporre al bambino un'alimentazione sana e povera di sodio aiuta ad abbassare la pressione.

È opportuno conservare le compresse di Clonidina in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. Non conservare a temperatura superiore ai 30°C. Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata. Tenere in un luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglio illustrativo.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Tiziana Corsetti, Antonella Mongelli, Antonella Sabia
    Unità Operativa di Farmacia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 14 ottobre 2020


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net