Coliche gassose nel lattante

Si manifestano con stato di agitazione e pianto continuo. Riguardano la maggior parte dei lattanti dai due ai quattro mesi di vita 

Tutti i neonati piangono e a volte sono irrequieti e, nei primi mesi di vita, piangono più che in qualsiasi altro momento. Quando tuttavia un lattante, per il resto in buona salute, piange molte volte al giorno, anche per ore di fila, con stato di agitazione e difficoltà a essere calmato, potrebbe avere delle coliche gassose. Di norma si considera che un bambino soffra di coliche gassose quando piange per più di tre ore al giorno, per più di tre giorni alla settimana per almeno tre settimane.

Dal secondo al quarto mese di vita, circa la metà dei lattanti soffre di questo disturbo che poi termina spontaneamente. Se le coliche persistono oltre questa età, il pediatra dovrà valutare altri ipotesi diagnostiche.
Per essere tranquilli che si tratti solo di coliche gassose, il bambino deve stare bene e crescere di peso, può avere i rigurgiti, ma non deve avere vomiti associati a calo di peso; l'aspetto delle feci deve essere normale.

Non è del tutto chiaro quali siano i motivi delle coliche gassose e pertanto troppo spesso vengono messi in atto provvedimenti senza una solida base scientifica:  vengono tolti alimenti allergizzanti alla madre che allatta, si utilizzano latti dietetici nell'ipotesi di allergia alle proteine del latte vaccino, si ricorre a vari farmaci nel sospetto di reflusso gastro-esofageo.
Sono state proposte varie teorie per spiegare l'origine delle coliche gassose. Tra le più accreditate:

  • Il gas: viene prodotto dai batteri dell'intestino e può venir ingerito e arrivare all'intestino. In passato, il suo ruolo era ritenuto così importante che le coliche vennero definite gassose, nome che rimane a tutt'oggi anche se abbiamo molti dubbi sul reale ruolo del gas nel provocare le coliche;
  • Il temperamento del lattante: alcuni lattanti sembrano estremamente sensibili agli stimoli dell'ambiente come i rumori e le luci. Alcuni di loro sembrano anche particolarmente immaturi quanto a capacità di calmarsi, di tenere sotto controllo le proprie emozioni. Questo spiegherebbe anche la scomparsa delle coliche con il passare del tempo, vale a dire con la maturazione del sistema nervoso centrale.

Molti farmaci sono stati utilizzati per ridurre le coliche ma nessuno sembra essere altamente efficace.
Alcune semplici regole possono essere messe in atto per ridurre il dolore delle coliche:

  • Camminate con il bambino in braccio o posto nel passeggino;
  • Cercate di favorire il ruttino con piccole pacche sulla schiena;
  • Portatelo a fare un giro con la macchina;
  • Mettete della musica a basso volume;
  • Non fatelo mangiare più del necessario.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Antonino Reale 
    Unità Operativa di Pediatria dell'Emergenza
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 03 settembre 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net