Cromoblastomicosi e altre micosi profonde

Malattia cronica della pelle e dei tessuti sottostanti causata da funghi, è diffusa soprattutto in aree tropicali e subtropicali 

La cromoblastomicosi, descritta per la prima volta in Brasile nel 1914, è un'infezione cronica della pelle e dei tessuti sottostanti (sottocute) causata da funghi, diffusa principalmente in aree tropicali e sub-tropicali del pianeta, soprattutto nella regione amazzonica del Brasile, in Venezuela e nel Madagascar. Non si trasmette da persona a persona, ma il fungo penetra nell'organismo attraverso ferite causando lesioni crostose, verrucose o ulcerate. Se l'infezione non viene trattata, le lesioni continuano a crescere e alla fine assomigliano a un tumore o a un cavolfiore.

A provocare la cromoblastomicosi sono specie diverse di funghi, ma i tre più comuni sono Fonsacaea pedrosoi, Cladophialophora carrionii e Phialophora verrucosa. Sono colpiti soprattutto i maschi. Questi funghi sono presenti nel terreno e su alcune piante (in particolare palme e cactus) e penetrano nell'organismo attraverso ferite e lesioni della pelle.

La cromoblastomicosi inizia con la formazione di papule (zone ispessite della pelle) rossastre nel punto in cui è avvenuta l'infezione. Le papule danno prurito e ben presto si estendono a formare delle chiazze rosso scuro o violacee, al centro delle quali si possono formare ulcere e formazioni simili alle verruche, con la caratteristica forma a cavolfiore. Con il progredire del tempo le lesioni tendono a ricoprire per intero le estremità colpite. Spesso sulle lesioni si verificano infezioni batteriche secondarie. Se non trattate, queste lesioni della pelle possono evolvere in tumori.

La diagnosi è di laboratorio e si ottiene attraverso una biopsia, ovvero il prelievo di una porzione di tessuto infetto che viene poi analizzato al microscopio. È possibile effettuare dei test molecolari (PCR) per stabilire con certezza la specie di fungo responsabile dell'infezione.

Il trattamento della cromoblastomicosi dovrebbe iniziare il prima possibile, poiché i pazienti che presentano lesioni da molto tempo non rispondono alla terapia. La chirurgia può essere risolutiva nella prima fase dell'infezione. I farmaci utilizzati per la terapia farmacologica sono Itraconazolo, Voriconazolo e Posaconazolo.
Il trattamento delle micosi profonde risulta però complesso e di incerta riuscita, a causa delle limitate opzioni di farmaci efficaci e delle tante complicazioni che possono seguire all'infezione.

La cromoblastomicosi è considerata una malattia professionale, che si verifica soprattutto tra i braccianti agricoli, i raccoglitori di cocco, i boscaioli o i venditori di prodotti agricoli. La mancanza di scarpe, guanti o indumenti protettivi e una cattiva alimentazione e abitudini igieniche sono fattori di rischio associati alla cromoblastomicosi. La prevenzione è difficile, ma è utile consigliare alle persone di non camminare a piedi nudi nelle aree in cui è stata rilevata un'infezione.

Se il trattamento è tempestivo, si possono ottenere buoni risultati ed è possibile che il soggetto guarisca. Nel caso di micosi profonde che durano da molti anni, i farmaci disponibili risultano spesso inefficaci e nella maggior parte dei casi la prognosi è infausta, anche a causa di altre infezioni secondarie che si sviluppano nelle aree già danneggiate dai funghi.

Clicca sulle infografiche per ingrandirle!

Cromoblastomicosi e altre micosi profonde
Cromoblastomicosi e altre micosi profonde
Cromoblastomicosi e altre micosi profonde
Cromoblastomicosi e altre micosi profonde
Cromoblastomicosi e altre micosi profonde

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Caterina Rizzo
    Area Funzionale di Percorsi Clinici ed Epidemiologia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 09 luglio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net