Da 8 a 12 mesi: lo sviluppo emotivo

 

Intorno agli 8 mesi, inizia un periodo importante e difficile. Il bambino comincia a riconoscere per la prima volta la differenza tra volti familiari e volti estraneiSi tratta quindi di una tappa essenziale per lo sviluppo dell'identità e dei rapporti sociali ma che genera anche ansia, la cosiddetta ansia da separazione. Quando riconosce un volto estraneo, il bambino scappa, si nasconde e in qualche caso piange. Per la stessa ragione, diventa sempre più difficile la separazione dalla madre.

L'ansia da separazione continua in genere fino all'anno e mezzo per poi risolversi verso la fine del secondo anno. È importante aiutarlo a superare questo periodo con molto amore, molta pazienza e con un briciolo di astuzia. Meglio lasciar casa quando il bambino ha dormito e mangiato da poco e la persona che lo accudisce lo sta facendo giocare. Se piange, non è il caso di farne un dramma: sta tentando di convincere la mamma a restare. Una volta uscita, smetterà rapidamente di piangere e comincerà a giocare con la persona cui è stato affidato. È in questo periodo che anche la semplice visita dal pediatra con cui ha sempre sorriso e giocato, potrà diventare "un dramma".

Sfoglia online lo speciale, disponibile anche sull'edicola virtuale Issuu:

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Alberto Giovanni Ugazio, Andrea Campana*
    *Unità Operativa di Pediatria Multispecialistica
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 05 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net