Encefalite da zecche: il vaccino

Infezione virale trasmessa dalle zecche che colpisce il cervello ed è diffusa in Europa Centrale 

L’encefalite da zecche è una rara infezione di natura virale (flavivirus) trasmessa da puntura di zecca. Ne esistono tre tipi, uno dei quali è diffuso in alcune aree rurali in Europa Centrale, Settentrionale e Orientale. Altri tipi di encefaliti da zecche sono presenti in Russia e nelle zone forestali di Cina e Giappone.

Il decorso tipico della malattia è diviso in due fasi: i sintomi iniziali sono simili a quelli di una sindrome influenzale; dopo una settimana, in circa un terzo delle persone l'infezione può estendersi alle meningi o al tessuto cerebrale, sviluppando condizioni neurologiche, che vanno dalla meningite lieve all'encefalite grave.

L'aumento dell'età è un fattore di rischio per la forma più grave. L'encefalite da zecche può essere letale nell'1% dei casi. La malattia è attualmente endemica in 27 paesi europei e in almeno quattro paesi asiatici.

La vaccinazione contro l'encefalite da zecche è indicata nei viaggiatori che prevedono di soggiornare in aree rurali e boschive di paesi a rischio. Il vaccino è ottenuto inattivando il virus con la formaldeide. 

La vaccinazione può essere praticata a qualsiasi età, a partire dai 5 mesi compiuti. L'indicazione alla vaccinazione nei bambini tra i 5 mesi e i 6 anni deve essere valutata individualmente in base al rischio di esposizione.
Il vaccino è indicato per chi intende soggiornare nei paesi del Centro Europa, Russia e in parte della Cina, specie se effettua attività all’aperto e in zone boschive. In Italia il maggior numero di casi sono stati registrati negli ultimi anni in Friuli e Trentino Alto-Adige.

Per una protezione sufficiente, sono necessarie tre dosi.

Il vaccino è controindicato in coloro che hanno mostrato gravi reazioni a componenti del vaccino o anafilassi all’uovo. La vaccinazione deve essere rimandata nel caso di infezione febbrile acuta.
Nelle donne in gravidanza, il vaccino deve essere somministrato solo se strettamente necessario. 

Gli effetti collaterali sono rari e prevalentemente locali, la febbre è moderata.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù


  • A cura di: Alberto Tozzi
    Area di Ricerca Malattie Multifattoriali e Malattie Complesse
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 06 ottobre 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net