Filariasi linfatica

È causata dalla presenza di vermi nei vasi linfatici e si trasmette da una persona all'altra dopo la puntura di una zanzara infetta 

La malattia nell'uomo è dovuta a tre differenti specie di filarie. La maggior parte delle infezioni è causata dal parassita Wucheria bancrofti, ma sono noti anche casi di infezioni dovute a Brugia malayi e Brugia timori (principalmente in Asia). La filariasi linfatica colpisce più di 120 milioni di persone in 72 diversi Paesi tra Africa, Asia sub-tropicale e America centro-meridionale.

La filariasi linfatica è dovuta alla presenza di vermi che si stabiliscono nei vasi linfatici. La trasmissione da una persona all'altra avviene in seguito alla puntura di una zanzara infetta. Le larve infettanti viaggiano nell'organismo fino a raggiungere il sistema linfatico e qui si trasformano in adulti nell'arco di diversi mesi. Ciascun adulto, che può vivere dai 5 ai 7 anni, riesce a produrre milioni di vermi microscopici detti microfilarie che raggiungono il sangue, rendendo così l'ospite una fonte di infezione per gli altri individui.

Sebbene il parassita danneggi il sistema linfatico, non sempre chi ne è infestato manifesta i sintomi dell'infezione. Durante l'infezione acuta possono comparire febbre, ingrossamento dei linfonodi inguinali e ascellari e dolori agli arti. Se la malattia non è curata può causare gonfiore cronico (linfedema) agli arti e ai genitali, che rende difficile il movimento. La zona colpita, a causa del malfunzionamento del sistema linfatico, è soggetta a infezioni cutanee.

La diagnosi è di laboratorio e si fa osservando al microscopio il sangue infetto (striscio di sangue su vetrino) per verificare la presenza delle microfilarie. In alternativa è possibile effettuare analisi sierologiche per la ricerca di anticorpi specifici contro il parassita.

Il trattamento per la filariasi linfatica prevede la somministrazione di Dietilcarbamazina. Si deve considerare inoltre di trattare quelli che sono gli effetti a lungo termine.
Il gonfiore cronico può essere ridotto utilizzando bendaggi elastici o ponendo l'arto rialzato. La pelle richiede una costante cura al fine di prevenire le infezioni, che tuttavia possono essere trattate con l'assunzione di antibiotici per via orale.

Il modo migliore per prevenire la filariasi linfatica è evitare il contatto con la zanzara vettore, usando repellenti e zanzariere. Sono attivi programmi per l'eradicazione della filariasi linfatica in più di 60 paesi, volti a ridurre la trasmissione e il rischio di contagio per persone che vivono o visitano zone in cui è diffuso il parassita. 

Raramente la filariasi risulta essere letale. Tuttavia, se non trattata, può generare complicanze serie e invalidità permanente.

 

Clicca sulle infografiche per ingrandirle!

Filariasi linfatica
Filariasi linfatica
Filariasi linfatica
Filariasi linfatica

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Caterina Rizzo
    Unità Operativa di Percorsi Clinici ed Epidemiologia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 23 luglio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net