Intossicazioni, come prevenirle in casa

Ingestione o contatto con una sostanza che può danneggiare l'organismo. Le intossicazioni vanno prevenute organizzando la casa "a misura di bambino" 

  • L’intossicazione è dovuta all’ingestione o al contatto con un prodotto che può danneggiare l’organismo
  • Sono particolarmente a rischio i bambini di età tra 1 e 4 anni che hanno la capacità di raggiungere da soli prodotti e sostanze, svitare recipienti e di portarli alla bocca e di ingerirli
  • Tutto ciò avviene nel posto che apparentemente è il più sicuro: la casa
  • I principali prodotti che possono provocare intossicazioni e che si trovano nelle nostre case sono detergenti, farmaci ed insetticidi
  • Tenere qualsiasi farmaco fuori dalla portata dei bambini. Insegnare ai bambini quali sono le sostanze pericolose da non mangiare e da non toccare. Organizzare la casa a misura di bambino
  • Se il bambino entra in contatto con uno dei prodotti o sostanze sopraelencati, contattare il Centro Antiveleni, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Dipartimento di Emergenza Accettazione: 06.6859.3726

L'intossicazione è dovuta all'ingestione o al contatto con un prodotto che può danneggiare l'organismo.
Sono particolarmente a rischio di intossicazione i bambini di età compresa tra 1 e 4 anni. A questa età, infatti, i bambini hanno la capacità di raggiungere in maniera autonoma un gran numero di prodotti e di sostanze, di svitare recipienti e di portare alla bocca e di ingerire tutto ciò che toccano, comprese eventuali sostanze tossiche.
L'aspetto esterno di alcuni di questi prodotti, come ad esempio detergenti in pastiglia o farmaci, può essere particolarmente invitante per un bambino che può confonderli con caramelle o dolciumi colorati (Figura 1)

Intossicazioni, come prevenirle in casa

Figura 1

Tutto ciò avviene, il più delle volte, nel posto che apparentemente è il più sicuro: la casa.
I principali prodotti che possono provocare intossicazioni e che si trovano nelle nostre case sono:

  • Detergenti;
  • Farmaci;
  • Insetticidi.

È importante pertanto prevenire il rischio di intossicazione e far sì che la casa sia un rifugio più sicuro per i nostri piccoli.

Il primo passo per prevenire le intossicazioni dei bambini è conoscere le sostanze tossiche di uso comune che potremmo avere in casa.

Detergenti
I detergenti sono tutti i prodotti utilizzati in casa per la pulizia, come i detersivi per la lavatrice (in polvere e non), i detersivi per la lavastoviglie, la candeggina, l'alcol, gli shampoo, il sapone per le mani e i prodotti antiruggine. 

Insetticidi
Gli insetticidi sono i prodotti utilizzati per eliminare gli insetti. È necessario leggere i simboli contenuti sul retro di ogni prodotto e saperne riconoscere il significato per prevenire le intossicazioni.

IRRITANTE Se il prodotto va a contatto con la pelle, gli occhi o la bocca provoca un'infiammazione. Questo simbolo si può trovare sul retro di confezioni contenenti candeggina, ammoniaca, sapone per la lavastoviglie ad uso domestico.
     
     
     

 

 

IRRITANTE Se il prodotto va a contatto con la pelle, gli occhi o la bocca provoca un'infiammazione. Questo simbolo si può trovare sul retro di confezioni contenenti candeggina, ammoniaca, sapone per la lavastoviglie ad uso domestico.
INFIAMMABILE 

Il prodotto può provocare ustioni, es. contatto con alcol, acetone e trielina.

NOCIVO

Il prodotto può danneggiare la salute se ingerito, inalato o assorbito dalla pelle. Succede con l'antigelo e con l'acquaragia.

CORROSIVO

Può distruggere tutto ciò con cui entra in contatto (pelle, mucosa dell'esofago, dello stomaco). Le confezioni di disgorganti per lavandini o sanitari, o l'acido muriatico riportano in genere questa etichetta.

TOSSICO

Può causare la morte.

ESPLOSIVO

Può causare esplosioni.


Farmaci
Tutti i farmaci, se non somministrati alla persona per la quale sono stati prescritti e alla dose prevista, sono potenzialmente tossici. È importante, quindi, tenere qualsiasi farmaco fuori dalla portata dei bambini.

In casa, attenzione al posto sbagliato
I luoghi della casa in cui i bambini sono maggiormente a rischio sono: cucina, bagno e ripostiglio perché normalmente vi vengono riposte le sostanze potenzialmente tossiche.
Non è necessario tenere i bambini lontani da questi luoghi ma è importante prendere delle precauzioni

  • Custodire detergenti, insetticidi e farmaci in posti lontani dalla portata di un bambino, come un mobile in alto o con chiusura a chiave;
  • Conservare sempre le sostanze potenzialmente tossiche nel loro contenitore originale. Il trasferimento in altri contenitori come ad esempio una bottiglia d'acqua, può causare pericolose confusioni;
  • Mantenere le chiusure di sicurezza previste dalla confezione del prodotto;
  • Tenere sempre i farmaci nella confezione originale che permette di riconoscerli. I porta pillole, anche se comodi, il più delle volte non permettono di riconoscere il farmaco;
  • Fare attenzione agli alcolici per evitare che siano alla portata del bambino;
  • Una volta utilizzato il prodotto, chiuderlo immediatamente e riporlo in un luogo sicuro.
  • Insegnare ai bambini, anche ai più piccoli, quali sono le sostanze pericolose, da non mangiare e da non toccare. Il messaggio andrebbe ripetuto, usando le parole adatte all'età del bambino, ogni volta che si utilizzano le sostanze pericolose;
  • Organizzare la casa a misura di bambino. Puoi consultare la guida Casa sicura a prova di bambino;
  • Fare attenzione a situazioni particolari, in cui l'ambiente può non essere a misura di bambino (per esempio un trasloco, la casa in affitto in vacanza, la casa della nonna);
  • Informare dell'importanza della sicurezza in casa e di come prevenire le intossicazioni tutte le figure che entrano in contatto con il bambino (per esempio nonni, zie, babysitter e vicini di casa);
  • Per ulteriori informazioni sulle intossicazioni nei bambini, si può consultare il numero speciale di "A scuola di salute" dedicato a Bambini e incidenti: i primi cinque minuti.

Se il bambino entra in contatto con uno dei prodotti o sostanze sopraelencati, contattare il Centro Antiveleni, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - Dipartimento di Emergenza Accettazione 06.6859.3726.

Percorsi di Cura e Salute: Sicurezza in casa

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Rosalia Maiale, Lucia Scionti, Immacolata Dall'Oglio
    Dipartimento Emergenza-Urgenza
    Struttura Sviluppo Professioni Sanitarie, Formazione continua e Ricerca
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 23 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net