Levetiracetam

Epitiram, Grifoxina, Italept, Keppra, Levetiracetam Accord, Levetiracetam Accord Healthcare, Levetiracetam Almus, Levetiracetam Alter, Levetiracetam Aurobindo Pharma Italia, Levetiracetam Doc, Levetiracetam DOCgen, Levetiracetam EG, Levetiracetam Eurogenerici, Levetiracetam Krka, Levetiracetam Mylan, Levetiracetam Pensa, Levetiracetam ratiopharm, Levetiracetam Sandoz, Levetiracetam Tecnigen, Levetiracetam Teva, Levetiracetam Zentiva, Matever.

Il Levetiracetam è un farmaco indicato nel trattamento delle crisi epilettiche nei lattanti a partire da 1 mese di età, nei bambini e negli adolescenti.

È importante che il bambino assuma regolarmente Levetiracetam al fine di ridurre il numero di attacchi convulsivi.

  • Compresse rivestite con film da 500 mg, 1000 mg;
  • Soluzione orale 100 mg/ml 1 flacone 150 ml + siringa orale da 1 ml;
  • Soluzione orale 100 mg/ml 1 flacone 150 ml + siringa orale da 3 ml e adattatore;
  • Soluzione orale 100 mg/ml 1 flacone 150 ml + siringa orale da 10 ml e adattatore;
  • Soluzione orale 100 mg/ml 1 flacone da 300 ml + 1 siringa orale da 10 ml.

Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino e per quante volte al giorno. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo che seguiate scrupolosamente la prescrizione del medico.

È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose.

Compresse rivestite con film
Le compresse devono essere somministrate per via orale, inghiottite con una sufficiente quantità di liquido (acqua o succo di frutta) e possono essere assunte con o senza cibo. Il bambino non deve masticare le compresse. È possibile schiacciare le compresse e mescolarle con una piccola quantità di succo di frutta o cibi morbidi come yogurt o marmellata. Assicurarsi che il bambino ingoi tutto immediatamente, senza masticare.

Soluzione orale
La soluzione orale di Levetiracetam può essere diluita in un bicchiere d'acqua o nel biberon e può essere somministrata al bambino con o senza cibo. Il bambino deve bere immediatamente tutta la soluzione.
Con il flacone della soluzione orale vengono forniti una siringa graduata per somministrazione orale, un adattatore per la siringa e le istruzioni per l'uso nel foglio illustrativo.

Potrebbero essere necessarie alcune settimane affinché Levetiracetam funzioni correttamente e pertanto, durante questo periodo, il bambino potrebbe avere ancora delle convulsioni. Questo accade perché la dose di medicinale deve essere aumentata lentamente. È necessario continuare a somministrare il medicinale al bambino nel modo in cui è stato prescritto dal medico.
Levetiracetam potrebbe non interrompere completamente le convulsioni del bambino. In caso di dubbi sull'efficacia, si consiglia di contattare il medico senza mai interrompere la terapia.

Come tutti i medicinali, il Levetiracetam può causare effetti indesiderati. Gli effetti collaterali più comuni sono:

  • Rinofaringite;
  • Sonnolenza;
  • Cefalea;
  • Astenia/affaticamento;
  • Rash cutaneo;
  • Dolore addominale;
  • Diarrea;
  • Difficoltà di digestione (dispepsia);
  • Vomito;
  • Nausea;
  • Tosse;
  • Vertigine;
  • Convulsione;
  • Disturbi dell'equilibrio e capogiro;
  • Tremore;
  • Depressione;
  • Ostilità/aggressività;
  • Ansia, insonnia;
  • Nervosismo/irritabilità;
  • Anoressia.

ll rischio di anoressia è più elevato quando il Topiramato (farmaco anticonvulsivante) è somministrato simultaneamente al Levetiracetam.

In caso di somministrazione di una dose eccessiva di Levetiracetam è opportuno contattare il medico. Con una sola dose eccessiva di Levetiracetam somministrata per errore è improbabile che ci possano essere gravi effetti collaterali.
Un sovradosaggio di Levetiracetam può causare effetti collaterali che possono comprendere sonnolenza, agitazione, aggressività, ridotto livello di coscienza, depressione respiratoria e coma.

In caso di somministrazione simultanea di Levetiracetam con altri antiepilettici (Fenitoina, Carbamazepina, Acido valproico, Fenobarbital, Lamotrigina, Gabapentin e Primidone) non sono stati riscontrati variazioni delle concentrazioni dei farmaci nel sangue.
In caso di terapia concomitante del Levetiracetam con Probenecid si è riscontrato un aumento dei livelli di Probenecid nel sangue.
Sono stati riportati casi isolati di diminuita efficacia del Levetiracetam in caso di somministrazione contemporanea di lassativi osmotici per via orale (ad esempio Macrogol). Pertanto, il lassativo osmotico non deve essere somministrato per bocca al bambino da un'ora prima ad un'ora dopo l'assunzione di Levetiracetam.

Di solito si somministra al bambino Levetiracetam due volte al giorno: se ci si ricorda entro 4 ore dalla mancata somministrazione, somministrare al bambino la dose dimenticata.
Ad esempio, se di solito la dose viene somministrata intorno alle ore 7, è possibile somministrare la dose dimenticata in qualsiasi momento fino alle 11 di sera.
Se ci si ricorda dopo quell'orario, non somministrare la dose dimenticata. Somministrare la dose successiva al solito orario.
Non somministrare mai al bambino una doppia dose di Levetiracetam.

Se il bambino vomita entro 30 minuti dopo l'assunzione di una dose di Levetiracetam, somministrare nuovamente la stessa dose.
Se il bambino vomita oltre 30 minuti dopo l'assunzione di una dose di Levetiracetam non è necessario somministrare al bambino un'altra dose. Attendere fino alla successiva somministrazione della dose come da prescrizione medica.

Il Levetiracetam somministrato alla madre in dosi fino a 3500 mg passa in minima parte nel latte. Se il lattante ha più di 2 mesi e se è necessario per curare la madre, il trattamento con Levetiracetam non rappresenta una controindicazione alla prosecuzione dell'allattamento al seno.
Il lattante va controllato quanto ad adeguato accrescimento di peso e raggiungimento delle principali tappe del neurosviluppo, soprattutto se la madre è in trattamento con una combinazione di anticonvulsivanti.
È importante che, nel corso dell'allattamento, vengano tenuti sotto controllo i livelli di Levetiracetam nel sangue, modificandone opportunamente il dosaggio.

È preferibile somministrare sempre al bambino il Levetiracetam prodotto dalla stessa azienda. È quindi importante mantenere traccia dell'azienda produttrice del farmaco somministrato al bambino.
È opportuno somministrare il Levetiracetam ogni giorno alla stessa ora in modo tale da ricordare sempre l'orario di somministrazione.
Il grado di assorbimento gastrico di Levetiracetam non è influenzato dal cibo, ma la quota di assorbimento risulta lievemente ridotta.

È opportuno conservare le compresse rivestite con film e la soluzione orale di Levetiracetam nella confezione originale in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. Conservare il flacone della soluzione orale in posizione verticale.
Non conservare a temperatura superiore ai 25°C. Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata. Tenere in un luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglio illustrativo.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Antonella Sabia, Tiziana Corsetti
    Unità Operativa di Farmacia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 23 dicembre 2020


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net