Mesalazina

Argonal, Asacol, Asalex, Asamax, Lextrasa, Mesaflor, Mesalazina EG, Mesalazina Eurogenerici, Mesalazina Sandoz, Pentacol, Pentasa, Proctasacol.

La Mesalazina è un farmaco utilizzato nelle malattie infiammatorie croniche intestinali (morbo di Crohn e colite ulcerosa) con effetto antiinfiammatorio sui tratti della mucosa intestinale interessati dalle lesioni.

La Mesalazina riduce l'infiammazione intestinale e i sintomi dolorosi ad essa connessi. Il farmaco Mesalazina in formulazione rettale è usato per la terapia farmacologica delle parti inferiori del colon e del retto che risultano essere di difficile trattamento con la Mesalazina formulazione orale.

Il farmaco Mesalazina è disponibile come:

  • Sospensione rettale da 2 g/50 ml, 4 g/50 ml, 4 g/100 ml;
  • Schiuma rettale da 1 g, 2 g, 4 g;
  • Granulato per sospensione rettale 1.5 g, 2 g, 4 g, 2 g/60 ml;
  • Gel rettale 10%,4 g/ 60 ml, 500 mg;
  • Supposte da 500 mg, 1 g. 

Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino e per quante volte al giorno. È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo seguire scrupolosamente la prescrizione del medico.

Mesalazina sopensione rettale deve essere somministrata preferibilmente la sera dopo che il bambino ha evacuato, rispettando le seguenti indicazioni:

  • Agitare bene prima dell'uso per ottenere una sospensione omogenea;
  • Togliere il copricannula;
  • Per l'applicazione sdraiare sul lato sinistro il bambino mantenendo diritta la gamba sinistra e piegando la gamba destra;
  • Inserire nell'orifizio anale la cannula rettale applicata al flacone;
  • Comprimere il flacone con pressione graduale e costante sino a completo svuotamento del flacone;
  • Dopo l'introduzione del preparato il bambino deve rimanere nella posizione sopra indicata per circa 30 minuti;
  • Una migliore efficacia del prodotto si ottiene lasciandolo in sede per tutta la notte.

Mesalazina schiuma rettale deve essere somministrata dopo che il bambino ha evacuato.
L'erogazione della schiuma ha luogo solo quando si rilascia il cappuccio e non mentre lo si sta premendo. La bomboletta funziona solo capovolta.
L'intera dose viene erogata in due semidosi, ottenibili premendo due volte consecutivamente il cappuccio della bomboletta stessa. È previsto che nella bomboletta rimanga un residuo di prodotto.

I clisteri estemporanei di Mesalazina granulato per sospensione rettale possono essere preparati con dosaggio e volume variabili, impiegando 1 o 2 bustine per clistere (1,5 g o 3 g di Mesalazina) in volumi da 50 a 100 ml d'acqua, secondo il parere del medico e la capacità di "ritenzione" del bambino. Per la preparazione del clistere introdurre nel flacone graduato annesso alla confezione la dose di Mesalazina prescritta e portare al volume desiderato con acqua del rubinetto tiepida o fredda. Avvitare quindi la cannula rettale al flacone e agitare circa un minuto, per ottenere una sospensione omogenea. Il clistere è così pronto per essere somministrato. Il clistere va praticato con l'intestino libero da feci.

Togliere quindi il copricannula e, posizionare il bambino sdraiato sul fianco sinistro e gamba destra ripiegata, introdurre la cannula nel retto in direzione dell'ombelico e premere il flacone fino a completa instillazione del suo contenuto nell'intestino. La somministrazione deve essere effettuata dopo che il bambino ha evacuato.

Il gel rettale di Mesalazina va applicato dopo che il bambino ha evacuato.
Come si applica il gel rettale:

  • Svitare il tappo del tubetto monodose e utilizzarlo (capovolto) per perforare la membrana sigillante del tubetto;
  • Estrarre la cannula dall'apposito involucro protettivo e avvitarla al tubetto;
  • Inserire delicatamente la cannula nell'orifizio anale del bambino e spremere interamente il contenuto del tubetto;
  • Spalmare intorno all'area perianale, l'eventuale eccedenza di gel fuoriuscita dall'ano;
  • Gettare il tubetto vuoto nel contenitore dei rifiuti.

Le supposte di Mesalazina devono essere somministrate attraverso l'ano nel retto. Per ottenere un effetto terapeutico ottimale è necessario che la supposta sia introdotta dopo che il bambino ha evacuato e che venga trattenuta per lunghi periodi (ad esempio tutta la notte); il tempo minimo riportato è almeno 30 minuti.

La Mesalazina agisce in tempi rapidi ma, affinché si noti un miglioramento dei sintomi nel bambino, potrebbe essere necessaria all'incirca una settimana dall'inizio del trattamento. 

Raramente possono manifestarsi effetti indesiderati come disturbi gastrointestinali (nausea, diarrea, dolori addominali), pruriti, eruzioni cutanee e cefalee.

Non sono ipotizzabili casi di sovradosaggio a seguito di somministrazione rettale.

Leggere attentamente il foglietto illustrativo nella sezione dove sono elencati le interazioni con altri medicinali e altre forme d'interazione.

Per tutte le formulazioni rettali di Mesalazina, escluse le supposte, se non vengono somministrate la sera è possibile effettuare la somministrazione al mattino, purché ciò avvenga almeno 12 ore prima della sera.
Se il bambino è in terapia con una supposta al giorno è consigliabile somministrarla la sera; nel caso in cui si salta una somministrazione è bene che la supposta mancante sia inserita al mattino almeno 12 ore prima della sera.

Nel caso in cui il  bambino è in terapia con due supposte al giorno è possibile somministrare la supposta dimenticata entro 4 ore dall'orario di somministrazione saltato. Ad esempio, se solitamente inserisce la supposta alle 7 di mattina, può somministrare la supposta mancante in qualsiasi momento l'importante che avvenga entro le 11:00. Se sono passate le 11:00 bisogna attendere la prossima somministrazione e non somministrare la supposta mancante.

In caso di somministrazione di 3 supposte al giorno, non inserire mai la supposta mancante ma attendere sempre l'orario della successiva somministrazione.
Se il bambino sta dormendo non è necessario svegliarlo per inserire la supposta mancante; è opportuno inserire la supposta al mattino seguente.

Se il bambino vomita, non si preoccupi perché la Mesalazina formulazione rettale funzionerà normalmente essendo la sua efficacia indipendente dal transito gastrico.

Leggere attentamente il foglietto illustrativo nella sezione dove sono elencati gli eccipienti nel caso in cui si è a conoscenza di patologie o allergie specifiche.

Le supposte di Mesalazina devono essere conservate a temperatura inferiore a 30°C, in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.
Il gel rettale di Mesalazina deve essere conservato a temperatura ambiente (sotto i 25°C), in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.
Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata. Tenere in luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglietto illustrativo.


Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Tiziana Corsetti, Antonella Mongelli
    Unità Operativa di Farmacia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 18 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net