Nuovo Coronavirus: che cos'è la polmonite interstiziale

Il nuovo Coronavirus nelle forme più gravi della malattia può causare una polmonite interstiziale: ecco di cosa si tratta 

I sintomi della malattia causata dal nuovo Coronavirus nei casi più lievi sono febbre, tosse, una sensazione generale di malessere e affaticamento.
Sono descritti anche altri sintomi come mal di gola, mal di testa, congiuntivite e sintomi gastrointestinali come diarrea e nausea.


Nei casi più gravi che vengono portati in ospedale è presente bronchite, polmonite e difficoltà a respirare.
Nei bambini questo evento è raro ma può verificarsi.
La polmonite da Covid-19 è una polmonite interstiziale che si verifica più spesso nei pazienti con malattie respiratorie croniche, cardiopolmonari, diabete, e più in generale con malattie che indeboliscono il sistema immunitario, in particolare negli anziani.

L'infezione da nuovo Coronavirus può dunque provocare, in alcuni casi, una malattia polmonare interstiziale. Andiamo a vedere di cosa si tratta, partendo dal funzionamento della respirazione.
L'aria che respiriamo entra nei bronchi che, proprio come in una pianta, si snodano in rami sempre più sottili (i bronchioli) fino a sboccare negli alveoli polmonari.


Gli alveoli sono microscopici palloncini con una parete molto sottile, che permette all'ossigeno di passare dall'aria al sangue e all'anidride carbonica di passare dal sangue all'aria.
In questo modo la respirazione ci consente di ricavare dall'aria l'ossigeno che è indispensabile per il funzionamento delle nostre cellule, e di liberarci dell'anidride carbonica, prodotto di scarto del metabolismo.
I palloncini (gli alveoli) si gonfiano quando l'aria entra nei polmoni (inspirazione) e si sgonfiano quando l'aria esce (espirazione).
Ma gli alveoli non possono fare tutto questo "nel vuoto". Devono infatti entrare in contatto con i vasi sanguigni per scambiare ossigeno e anidride carbonica.


Ed è proprio l'interstizio a funzionare da impalcatura del polmone sorreggendo gli alveoli, dividendoli l'uno dall'altro e fornendo il sostegno necessario anche ai vasi sanguigni che portano il sangue a contatto con gli alveoli (Figura 1).
L'infezione da nuovo Coronavirus provoca proprio una infiammazione dell'interstizio che viene infiltrato dalle cellule dell'infiammazione: leucociti e macrofagi insieme a liquido trasudato dal sangue.
 

L'impalcatura, quindi, si ispessisce, diventa ingombrante e impedisce agli alveoli di espandersi completamente durante l'inspirazione. Comincia a mancare l'ossigeno e il respiro si fa affannoso.
Se l'infiammazione persiste, può formarsi tessuto cicatriziale (fibrosi) che sostituisce gli alveoli. Si va incontro a una vera e propria polmonite interstiziale grave. Via via che questo processo avanza, la respirazione si fa sempre più difficile.

Nuovo Coronavirus: che cos'è la polmonite interstiziale

Figura 1 - Interstizio polmonare

La polmonite interstiziale acuta colpisce l'interstizio del polmone e impedisce lo scambio gas-aria con le conseguenze gravi che si possono osservare nella polmonite interstiziale da COVID-19.
La diagnosi di polmonite interstiziale si può fare sulla base di una Tomografia Computerizzata (TC), molto più affidabile di altre modalità. L'ispessimento dell'interstizio, infatti, si può vedere anche con una radiografia.
Soprattutto nel bambino, con la radiografia convenzionale può essere difficile riconoscere con sicurezza una opacità che ha le caratteristiche di un ispessimento dell'interstizio.


Banali infezioni possono determinare, soprattutto nei primi anni di vita, un ispessimento dell'interstizio polmonare.
Bambini affetti da bronchite asmatica, ad esempio, possono presentare questi segni radiologici di interessamento interstiziale che spesso vengono definiti come bronchite "interstiziale" dai radiologi. È importante notare che, sebbene i risultati della TC di COVID-19 siano caratteristici, la diagnosi finale richiede un tampone. La TC non è un test di screening in pediatria.

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

Sfoglia online il Percorso di Cura e Salute sul Nuovo Coronavirus:

 

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Paolo Tomà*, Renato Cutrera**
    Direttore Dipartimento Diagnostica Per Immagini*
    Direttore Unità di Broncopneumologia**
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 26 marzo 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net