Nuovo Coronavirus e allattamento: come fare

Come comportarsi se la mamma che allatta è positiva al nuovo Coronavirus o sospetta di esserlo 

Come è ben noto sono numerosi ed importanti i benefici associati all'allattamento al seno per il bambino e per la mamma.
Le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dell'United Nations Children's Fund (UNICEF) e del Ministero della Salute Italiano sono chiare: iniziare ad allattare entro 1 ora dalla nascita, continuare in maniera esclusiva per almeno 6 mesi, a seguire iniziare l'alimentazione complementare e continuare ad allattare per tutto il tempo che la madre desidera proseguire, anche oltre il secondo anno di vita.


Allattare al seno si associa a 2 aspetti fondamentali: l'assunzione di latte materno e il contatto stretto con la mamma.
Ambedue rappresentano il punto di forza di tale pratica e la rendono unica e non replicabile con un altro alimento e con altra modalità, ma fanno nascere alcuni dubbi su come adottare le misure di prevenzione in relazione all'epidemia da nuovo Coronavirus.

La recente epidemia legata al virus SARS-CoV-2 ha sollevato alcune domande riguardo l'allattamento al seno da parte di madri infette o sospette di esserlo (in attesa del risultato del test diagnostico o quando sono contatti stretti di casi confermati).
Pur considerando che alcune di queste affermazioni potranno modificarsi nel tempo quando si avranno più dati a disposizione, possiamo affermare che il passaggio dell'infezione da una mamma positiva al SARS-CoV-2 al feto non è stata finora mai dimostrata.
Il problema si pone quindi dopo il parto.


La ricerca del virus nel colostro (il primo latte, così tanto prezioso) e nel latte prodotto nei giorni seguenti è risultata finora sempre negativa.
Tuttavia, va ricordato che, trattandosi di un virus nuovo mai circolato prima nell'uomo, le conoscenze cambiano giorno per giorno e spesso le opinioni relative all'allattamento diretto al seno non sono univoche.
Al momento attuale, però, considerando i dati disponibili, il latte non sembra rappresentare un rischio per la trasmissione di tale infezione.


Il problema si può presentare, quindi, non tanto per l'assunzione del latte, quanto per la vicinanza, il contatto, tra una mamma infetta o potenzialmente infetta ed il proprio bambino.
Come dimostrato, infatti, il virus SARS-CoV-2 si trasmette principalmente da persona a persona tramite contatto stretto (entro 1 metro) attraverso le goccioline delle vie respiratorie, soprattutto quando un individuo infetto starnutisce o tossisce.
Pertanto è importante:

  • Se positive al nuovo Coronavirus o in attesa della risposta del tampone effettuato non presentino sintomi o quando i sintomi siano poco rilevanti, le madri devono evitare di baciare il proprio piccolo, devono usare la mascherina e lavarsi accuratamente le mani (con acqua e sapone per almeno 20 secondi o con una soluzione alcolica) quando si avvicinano al loro bambino.
    Se la culla del neonato è nella stessa camera della madre (sia in ospedale che a casa) va posizionata di due metri dal letto della mamma.
    Inoltre, le superfici con cui la mamma viene a contatto vanno regolarmente pulite e disinfettate con alcool o prodotti a base di cloro (candeggina).
    È importante che la mamma prima di allattare:
     
  • Indossi la mascherina quando allatta o è in intimo contatto col neonato;
  • Lavi accuratamente le mani.
     
  • In caso di malattia respiratoria grave e in attesa della risposta del tampone effettuato, la mamma ed il bambino vengono temporaneamente separati.
    Se il tampone è negativo la mamma ed il bambino possono tornare a stare nella stessa stanza, se invece è positivo rimangono in stanze separate.
    In questi casi, il latte materno andrà comunque offerto "fresco", dopo averlo estratto, manualmente o con l'utilizzo di un tiralatte e senza doverlo pastorizzare (esposizione del latte crudo ad alta temperatura per un breve periodo di tempo per eliminare i microrganismi patogeni) perché, come già detto, non sembra rappresentare di per sè un veicolo di infezione.
    Il latte andrà estratto manualmente o con un tiralatte ogni 3 ore, per mantenere una produzione adeguata per poter ricominciare ad allattare, appena possibile, direttamente al seno.
     
  • Nel caso in cui la mamma con Covid-19 assuma dei farmaci specifici, l'allattamento al seno va valutato caso per caso.
     
  • Solo nei casi in cui la malattia sia molto grave, le condizioni generali della madre siano compromesse e non fosse possibile estrarre il latte manualmente o con l'utilizzo di un tiralatte, verrà somministrata una formula lattea.

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

 

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Guglielmo Salvatori
    Unità Operativa Educazione Nutrizionale Neonatale e Banca del Latte Umano Donato
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 28 luglio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net