Nuovo Coronavirus: quanto dura la malattia COVID-19 nei bambini

Nei bambini è una malattia lieve che dura di regola meno di una settimana 

Nei bambini, la malattia COVID-19 causata dal nuovo Coronavirus dura, di solito, poco tempo. Questo è quanto emerge dalla letteratura scientifica internazionale grazie ai dati raccolti in tutto il mondo.
Ciò può dipendere dal fatto che in molti bambini l'infezione non provoca sintomi (è asintomatica) e, quando provoca la malattia, i sintomi sono di solito lievi o moderati come raffreddore, tosse e un po' di febbre. I bambini, come gli adulti, che presentano sintomi più lievi di COVID-19 sono detti paucisintomatici.


Se presenti, i sintomi tendono a limitarsi nel giro di una o due settimane, ma in media la durata della malattia è di solito di quattro o cinque giorni. Tuttavia, molto spesso i sintomi vengono sottostimati e ciò porta a ritardi nella diagnosi.
In altre parole, più che concentrarsi sulla durata della malattia, è importante saperla riconoscere ed evitare di confondere COVID-19 con altre malattie (ad esempio infezioni batteriche delle vie respiratorie) che in alcuni casi potrebbero richiedere un trattamento specifico.


Sicuramente, i bambini potranno andare incontro a episodi di febbre e di tosse: sarà difficile dire subito se si tratta di COVID-19 o di qualche altra infezione legata alla stagione, come nel caso dell'influenza stagionale. Infatti, la prossima stagione influenzale 2020-2021 si preannuncia particolarmente complessa per via della concomitanza con la pandemia da COVID-19.


L'importante è che i genitori sentano il pediatra che identificherà i sintomi e, a seconda della loro caratteristiche, potrà far eseguire i test necessari, in particolare il tampone naso-faringeo. Se al bambino verrà diagnosticata la malattia COVID-19, si cercherà di ricostruire la data dell'inizio dei sintomi. Una volta visitato il bambino ed eseguito il tampone, il medico sarà in grado di capire se è necessario un ricovero oppure se il bambino potrà essere seguito a domicilio, dove l'osservazione della malattia continuerà tramite la sorveglianza dei casi di COVID-19 effettuata dalla ASL.

La durata della malattia dipende dalla durata dei sintomi. In genere è più breve nei bambini rispetto agli adulti. D'altra parte, è molto difficile stabilire il tempo necessario perché il virus sia eliminato dall'organismo.
Quindi, nei bambini la guarigione clinica è molto rapida, salvo rari casi (sindrome iper-infiammatoria). Ma c'è bisogno di più tempo per liberarsi dal virus (escrezione virale).


Ciò sarà motivo di studio nei prossimi mesi: sarà importante capire come il virus reagisce con il nostro sistema immunitario, cioè come il nostro sistema immunitario è in grado di difenderci dal virus.
Infatti, il sistema immunitario si sviluppa come tutti gli altri organi e funzioni del corpo: il sistema immunitario dei bambini piccoli è diverso dal sistema immunitario dei bambini più grandi e degli adulti.


In alcuni bambini il virus innesca una risposta immunitaria molto rapida, forse favorita dai vaccini a cui sono sottoposti, che gli permette di eliminare il virus velocemente. In altri bambini, invece, il sistema immunitario non è in grado di riconoscere in modo così rapido ed efficace il virus, che tende quindi a persistere nell'organismo per più tempo.

I sintomi più comuni sono la febbre, che di solito è il primo sintomo che spinge i genitori a portare il bambino dal Pediatra o in pronto soccorso, la tosse e il raffreddore.
Sintomi da non sottovalutare e che si presentano con grande frequenza sono i dolori addominali, che possono precedere episodi di infiammazione del tratto gastrointestinale, spesso piuttosto importanti.
Nei bambini, sintomi quali anosmia, cioè la difficoltà nel percepire gli odori, e mal di testa sono molto più rari rispetto agli altri sintomi, anche perché solo i più grandi sono in grado di descriverli. Infatti, si osservano soprattutto nell'adulto. 

Non è tanto importante la ricaduta della malattia quanto la comparsa di sintomi che possono manifestarsi anche a distanza di tempo. Questi sintomi sono stati osservati in bambini più grandi (di età superiore ai 10 anni) che, a distanza di 2-3 settimane dalla completa negativizzazione del tampone, sviluppavano la sindrome iper-infiammatoria.
In questi casi, molto rari, i sintomi sono molto più importanti e consistono in febbre persistente, malessere generale e nell'aggravarsi di sintomi inizialmente lievi, come tosse e dolori addominali.


Quindi i bambini che abbiano già avuto la malattia COVID-19 e che presentano nuovamente sintomi sospetti (febbre alta, dolori addominali, dolori articolari), devono essere portati rapidamente in ospedale, dove verranno condotte le indagini di laboratorio per ricercare nel sangue i marcatori di una eventuale iper-infiammazione.
Riconoscendoi sintomi e arrivando velocemente in ospedale, sarà possibile intervenire in maniera tempestiva e curare questi bambini che nella maggior parte dei casi guariscono senza problemi con l'impiego di farmaci che spengono rapidamente l'infiammazione.
Si utilizzano con successo il cortisone e farmaci che vanno a bloccare in maniera specifica alcune molecole dell'infiammazione come per esempio l'interleuchina-1 (i cosiddetti farmaci biologici).

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

 

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Andrea Campana
    Unità Operativa di Pediatria Multispecialistica
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 26 marzo 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net