PET-TAC o PET/TC

Esame che permette di ottenere immagini in tre dimensioni dell'anatomia e del funzionamento di un organo. In oncologia è utilizzato per determinare lo stadio di un tumore 

La PET-TAC o PET/TC è un'indagine innovativa della diagnostica per immagini. L'acronimo PET sta per Tomografia a Emissione di Positroni.
Gli studi vengono eseguiti mediante macchine ibride cioè tomografi PET-TAC o PET-RM nei quali il sistema di rilevazione PET viene combinato con un tomografo TC o con un apparecchio per la risonanza magnetica di ultima generazione. Le funzioni combinate dei due apparecchi possono venir controllate da un'unica console di comando. 
L'introduzione dei tomografi ibridi ha consentito un notevole miglioramento dell'accuratezza, perché migliora la valutazione e l'interpretazione delle immagini del corpo e degli organi.

Le macchine di ultima generazione inoltre consentono una significativa riduzione dei tempi di esame.
I tomografi ibridi forniscono un'unica immagine in cui sono presenti, insieme, le informazioni anatomiche – quelle che si ottengono con una TC (tomografia computerizzata) o con una RM (risonanza magnetica) tradizionali – e le informazioni funzionali delle aree del corpo analizzate.
Infatti, la PET utilizza una sostanza che fa parte del normale metabolismo dell'organismo, ad esempio il glucosio, legata a una molecola radioattiva.

La sostanza marcata con la molecola radioattiva (tracciante radioattivo) viene iniettata, si distribuisce nel corpo e viene captata con intensità diversa a seconda del metabolismo dei tessuti.
Il tracciante radioattivo emette particolari particelle, chiamate positroni, che vengono rilevate da uno scanner (tomografo) che restituisce una mappa di distribuzione del tracciante radioattivo all'interno di un organo o di un tessuto.
Le scansioni PET sono in grado di rilevare alterazioni del metabolismo che spesso precedono l'alterazione anatomica (quella che si osserverebbe con una semplice tomografia computerizzata o risonanza magnetica), attraverso l'uso di marcatori molecolari che vengono assorbiti in modo diverso a seconda del tessuto interessato.

Di seguito sono elencate le principali applicazioni della PET-TAC o PET/TC in età pediatrica:

  • In campo oncologico (più del 90% degli studi, utilizzata per la determinare lo stadio dei tumori e per valutare la risposta alla terapia);
  • In cardiologia la PET-TAC è più utilizzata nell'adulto;
  • In neurologia la PET-TAC viene impiegata per lo studio di alcune forme di epilessia e delle lesioni cerebrali da trauma;
  • Nello studio dei processi infettivo-infiammatori, in particolare nella valutazione delle osteomieliti e delle vasculiti.

L'esame PET-TAC deve essere richiesto da uno specialista e validato dal Medico Nucleare.

Allo scopo di garantire il corretto svolgimento e una buona qualità diagnostica dell'esame è necessario seguire alcune norme comportamentali, comunicate al momento dell'appuntamento, per garantire valori normali di glicemia.
In particolare è necessario:

  • Che il bambino eviti allenamenti sportivi o attività fisiche intense nelle 48 ore che precedono l'esame;
  • Che nelle 4 ore che precedono la PET-TAC il bambino non mangi e beva soltanto acqua;
  • È necessario che il bambino non indossi abiti con chiusure a lampo o altri oggetti metallici;
  • Tener conto che le mamme in gravidanza non possono accompagnare il bambino nella sala della PET (è vietato per legge).

Dopo l'esame PET-TAC verranno date alla famiglia le indicazioni di radioprotezione da rispettare nelle ore successive. Non è necessario sospendere alcuna terapia prima dell'esame.

Poco prima di ottenere le immagini, viene somministrato in vena un radiofarmaco (il tracciante radioattivo) che emette positroni. Per la maggior parte degli esami si tratta del fluoro-desossiglucosio, una sostanza molto simile al glucosio, marcato con una molecola radioattiva, il Fluoro-18 (18F-FDG).
Non ci sono rischi particolari legati alla somministrazione di questo radiofarmaco.

Per i bambini viene posta particolare attenzione all'esposizione e le quantità somministrate vengono calcolate mediante appositi programmi computerizzati che tengono conto del peso corporeo nel rispetto dei limiti di riferimento e delle linee guida europee. L'esame dura complessivamente alcune ore.

Il tomografo ibrido PET-TAC o PET-RM acquisisce immagini tridimensionali e le immagini ottenute sono immagini fuse, ottenute cioè sovrapponendo l'immagine PET all'immagine TC.
Queste immagini fuse vengono valutate in modo congiunto da un medico nucleare e da un radiologo.

La PET-TAC o PET/TC è controindicata in gravidanza e allattamento. Pertanto, le donne in età fertile devono avvisare il medico nucleare anche se hanno soltanto il dubbio di una gravidanza in atto.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Maria Carmen Garganese 
    Unità Operativa Complessa di Medicina Nucleare
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 07 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net