Sanguinamento gastrico e intestinale

L'emorragia gastrica e intestinale, ovvero la perdita di sangue dallo stomaco o dall'intestino, è frequente nel bambino. A seconda della causa, si cura con farmaci, endoscopia o chirurgia 

Con il termine di sanguinamento (o emorragia) gastrico o intestinale si intende una perdita di sangue dall'apparato gastrointestinale, che può coinvolgere esofago, stomaco, duodeno (tratto alto), oppure tratti di intestino come digiuno, ileo e colon (tratto basso). È relativamente frequente in età pediatrica e rappresenta il 3% circa delle cause di accesso in pronto soccorso. 

Le cause più comuni di emorragia intestinale sono diverse a seconda dell'età del bambino e della localizzazione del sanguinamento:

  • Emorragie del tratto gastrointestinale alto:
    • Neonato e lattante
      Esofagite, ulcera gastroduodenale, ulcera peptica;
    • 2-5 anni:
      Ulcera peptica, varici esofagogastriche;
    • Oltre i 5 anni:
      Gastroduodenite, varici esofago-gastriche, gastropatia ipertensiva.
  • Emorragie del tratto intestinale basso:

I sintomi di sanguinamento gastrico e intestinale si possono manifestare in modo diverso a seconda del punto in cui l'emorragia si verifica nel tratto gastrointestinale e della rapidità del sanguinamento:

  • Ematemesi: si manifesta con l'emissione di sangue rosso vivo o color fondo di caffè dalla bocca, con il vomito, ed è solitamente espressione di un sanguinamento dal tratto intestinale alto;
  • Ematochezia: si manifesta con l'emissione di sangue rosso vivo dal retto ed è generalmente espressione di una emorragia dal tratto digestivo basso, soprattutto dal colon o dall'ano;
  • Melena: è l'emissione di feci nere e segnala un sanguinamento dal tratto digestivo alto;
  • Sanguinamento occulto: sanguinamento lento, ma continuo che non si vede a occhio nudo e che si identifica ricercando nelle feci il sangue occulto con un esame di laboratorio quando sussistono elementi clinici di sospetto (ad esempio la comparsa di anemia). 

Il bambino con un sanguinamento intestinale o gastrico deve essere accuratamente visitato per valutare il suo stato generale e per evidenziare, per esempio, una ragade anale che frequentemente determina presenza di sangue rosso vivo che vernicia le feci. È fondamentale raccogliere una storia accurata dell'evento e valutare, se si sono manifestati, campanelli d'allarme come la presenza di:

  • Vomito;
  • Diarrea;
  • Dolore addominale;
  • Difficoltà di alimentazione;
  • Scarso accrescimento.  

Quando i campanelli d'allarme sono presenti, è necessario procedere urgentemente con indagini mirate sia di laboratorio sia strumentali, tra cui l'endoscopia del tratto intestinale alto (esofagogastroduodenoscopia) e basso (colonscopia) che ha un ruolo diagnostico e terapeutico determinante nella gran parte dei casi.
Da ricordare che di fronte a un bambino con un sospetto di emorragia gastrica o intestinale bisogna escludere:

  • La possibilità che si tratti di un falso sanguinamento: alcuni alimenti e o anche alcuni farmaci possono infatti mimare un'emorragia digestiva colorando le feci di rosso o nero (per esempio spinaci, carbone, liquirizia, ferro, Ampicillina);
  • La possibilità che la sua origine si trovi al di fuori dell'apparato gastrointestinale: come nel caso di sangue da naso (epistassi) in cui parte del sangue si riversa nell'intestino, o di ragadi del capezzolo materno nei bambini allattati al seno.

La terapia è di solito quella della malattia che l'ha causata. Per facilitare la risoluzione del sanguinamento gastrico o intestinale ci si può avvalere di varie terapie:

  • Terapia medica con l'utilizzo di farmaci che inibiscono l'acidità gastrica (inibitori di pompa protonica) o vasoattivi (ocreotide);
  • Terapia endoscopica con l'iniezione di sostanze che bloccano il sanguinamento (sostanze sclerosanti o adrenalina), o con la termocoagulazione, l'elettrocoagulazione, o con il posizionamento di clip sul punto di sanguinamento o con la legatura delle eventuali varici o con l'asportazione di polipi se presenti;
  • Terapia chirurgica nei casi di emorragia gastrica o intestinale gravi non gestibili o trattabili se non con un intervento in urgenza o in caso di malattie di pertinenza tipicamente chirurgica (per esempio il diverticolo di Meckel).

La prognosi dei sanguinamenti gastrointestinali dipende principalmente dalla malattia che li ha causati.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Daniela Knafelz
    Unità Operativa di Epato-Gastro e Nutrizione
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 11 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net