Vitamina B12

È presente negli alimenti di origine animale mentre è assente negli alimenti di origine vegetale 

 

  • È una vitamina idrosolubile, non può essere accumulata nell'organismo. Deve essere regolarmente assunta. Presente negli alimenti come carne, pesce, uova,latte e latticini
  • Assicura il corretto sviluppo e funzionamento dei nervi, ed è necessaria per uno sviluppo adeguato dei globuli rossi
  • Chi assume una dieta vegetariana o vegana, può essere a rischio di una mancanza di vitamina B12
  • Nelle donne che seguono una dieta vegetariana o vegana la carenza di vitamina B12 può essere trasmessa anche al feto durante la gravidanza e al lattante allattato al seno
  • Livelli bassi di vitamina B12 può provocare: stanchezza, debolezza muscolare, stitichezza, perdita di appetito, perdita di peso, anemia, intorpidimento e formicolii a mani e piedi, problemi di equilibrio e di memoria, depressione, stato confusionale
  • Livelli bassi di vitamina B12 in gravidanza provoca alterazioni nello sviluppo del cervello fetale che possono portare anche ad atrofia cerebrale e difetti del tubo neurale come la spina bifida

Si tratta di una vitamina presente in diversi alimenti di origine animale. Contiene un minerale, il cobalto, da cui il nome cobalamina. Per il suo assorbimento è necessario un passaggio attraverso l'acido dello stomaco, che separa la vitamina B12 dalle proteine a cui è associata nel cibo (questo passaggio dunque non è necessario se la vitamina viene assunta in forma libera come supplemento).

Successivamente, la vitamina B12 si lega ad una molecola, il cosiddetto fattore intrinseco, prodotto da alcune cellule presenti nello stomaco. Il legame con il fattore intrinseco è necessario perché la vitamina B12 venga correttamente assorbita.

La vitamina B12 è presente in vari alimenti di origine animale: carne, pesce, uova, latte e latticini. Al contrario, la vitamina B12 è assente negli alimenti di origine vegetale. Tuttavia, alcuni cereali per la colazione sono fortificati con vitamina B12.

La vitamina B12 assicura il corretto sviluppo e funzionamento dei nervi, ed è necessaria per uno sviluppo adeguato dei globuli rossi. Inoltre, è coinvolta nella sintesi del DNA.

Chi assume una dieta vegetariana o, soprattutto, vegana, può essere a rischio di una mancanza di vitamina B12. Nelle donne che seguono una dieta vegetariana o vegana la carenza di vitamina B12 può essere trasmessa anche al feto durante la gravidanza, e al lattante allattato al seno nei primi mesi di vita.
Inoltre, i livelli di vitamina B12 possono essere bassi:

  • Nelle persone di età superiore ai 50 anni, che tipicamente hanno una bassa acidità dello stomaco (il che riduce l'assorbimento della vitamina);
  • Nelle persone affette da anemia perniciosa, una malattia per la quale non è possibile produrre il fattore intrinseco, necessario per assorbire correttamente la vitamina;
  • Nelle persone che hanno effettuato interventi chirurgici allo stomaco (per esempio per l'obesità);
  • Nelle persone che hanno problemi di assorbimento intestinale, come la malattia celiaca o il morbo di Crohn.

Una riduzione dei livelli di vitamina B12 può provocare stanchezza, debolezza muscolare, stitichezza, perdita di appetito, perdita di peso, e un tipo di anemia in cui i globuli rossi sono più grandi del normale (anemia megaloblastica). Possono esserci anche problemi ai nervi: intorpidimento e formicolii a mani e piedi, problemi di equilibrio e di memoria, depressione, stato confusionale. La carenza di vitamina B12 in gravidanza provoca alterazioni nello sviluppo del cervello fetale che possono portare anche ad atrofia cerebrale. Aumenta inoltre la probabilità di difetti del tubo neurale come la spina bifida.

Non sono stati dimostrati problemi correlati ad un eccesso della vitamina B12, che, se assunta in grandi quantità, viene facilmente eliminata dall'organismo attraverso le urine.

Sfoglia online l'uscita di 'A scuola di salute' dedicata al tema delle vitamine:

Scarica il pdf

Percorsi di Cura e Salute: le vitamine

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Francesco Gesualdo
    Unità Operativa di Innovazione e Percorsi Clinici
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 07 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net