Cisti Dermoidi

Stampa Pagina

28 settembre 2018

COSA SONO

Si definiscono cisti dermoidi le neoformazioni sottocutanee costituite da materiale di origine epidermica e cutanea. Si localizzano in genere alla testa, al collo e al volto.  

Si tratta di neoformazioni capsulate che contengono al loro interno tessuti in genere presenti nello strato superficiale della cute (follicoli piliferi, ghiandole sudoripare, ghiandole sebacee).

Le localizzazioni più frequenti sono il sopracciglio ed il dorso del naso.

Il sopracciglio, più esattamente la coda del sopracciglio (la parte più esterna), è la localizzazione più frequente delle cisti dermoidi. La crescita è lenta ma progressiva accompagnata frequentemente dalla formazione di una nicchia nell'osso sottostante.

QUALI SONO LE CAUSE 

Si tratta di un difetto congenito (presente fin dalla nascita) che si crea durante lo sviluppo dell'embrione per una crescita difettosa degli strati della pelle. La cisti dermoide si manifesta con una massa che normalmente si rende visibile alla nascita o nella prima infanzia come un piccolo nodulo indolore.

COME SI FA LA DIAGNOSI 

La diagnosi è clinica, le cisti dermoidi si presentano in genere come neoformazioni rotondeggianti di consistenza elastica, mobili alla palpazione.  

Nelle localizzazione a livello del cranio e della faccia la cisti dermoide tende a scavare una nicchia nell'osso sottostante fino a eroderlo completamente e arrivare a contatto con le strutture sottostanti, per tale motivo può essere richiesta l'esecuzione di una radiografia del cranio.

Nelle localizzazioni al dorso del naso è necessario eseguire una TAC, a volte anche una Risonanza Magnetica del cranio per escludere la presenza di una comunicazione intracranica.

COME SI CURA

Il trattamento richiesto è l'asportazione chirurgica della cisti dermoide, in anestesia generale, in genere in regime di Day Surgery (senza pernottamento in ospedale).

L'intervento consiste nell'incisione della cute in corrispondenza della neoformazione, cui segue l'asportazione di tutta la lesione e la successiva sutura della cute; è importante asportare completamente la lesione e non lasciare residui al fine di evitare la ricomparsa della neoformazione. 

L'anestesia è generale nei pazienti in età infantile, nei pazienti adulti è possibile effettuare la procedura in anestesia locale.


a cura di: Mario Zama
Unità Operativa di Chirurgia plastica e maxillo-facciale
In collaborazione con: