Colera

Stampa Pagina

16 novembre 2018

COS'È

Il Colera è una malattia acuta causata dal batterio Vibrio Cholerae che provoca un'infezione dell'intestino. I sierogruppi responsabili della malattia nell'uomo sono l'O1 ElTor e l'O139, che attraverso la produzione di una tossina, causano la sintomatologia. A partire dal 2000 si è assistito ad un progressivo aumento del numero dei casi che attualmente si concentrano soprattutto in Africa, nel Sud-est Asiatico e ad Haiti. Il colera può essere molto pericoloso, ma è facilmente prevenibile e curabile. 

COME SI TRASMETTE

Il colera ha un periodo di incubazione tipico di uno o due giorni. Tuttavia, questo periodo può variare in base alle caratteristiche del soggetto esposto da alcune ore fino a tre o cinque giorni.

Il batterio del colera si trova di solito nell'acqua o nel cibo contaminati dalle feci di persone infette. Viene diffuso nella comunità se il trattamento delle acque non è adeguato o per scarsa o insufficiente igiene. Il batterio del colera può anche vivere in ambiente salmastro e nell'acqua di mare (soprattutto acque costiere). I frutti di mare (come cozze e mitili in generale), sciacquati con acque non controllate e consumati crudi sono stati responsabili di alcuni casi di colera verificatisi negli anni ‘70 in Italia. Tuttavia, anche la trasmissione diretta, da persona a persona, si pensa possa svolgere un ruolo importante nella diffusione della malattia durante le epidemie. 

COME SI MANIFESTA

L'infezione si presenta solitamente in forma lieve o asintomatica ma in un soggetto infetto su 10 (5-10%) può causare una malattia grave caratterizzata da diarrea acquosa (detta "ad acqua di riso"), vomito e crampi muscolari. In questi soggetti la perdita di fluidi causata dalla diarrea può provocare disidratazione e perdita di elettroliti fino allo shock che in assenza di trattamento può causare nel giro di poche ore il decesso. Tra i bambini con colera, la complicanza pricipale è la polmonite, causata da una aspirazione del vomito; questa polmonite può causare la morte del bambino. In generale, se viene trattato adeguatamente, non ci sono complicanze a lungo termine del colera. Tuttavia, nei bambini piccoli, in seguito alla malattia si possono verificare forme croniche di enteropatia e malnutrizione.

DIAGNOSI

La maggior parte dei casi di colera viene diagnosticata sulla base del sospetto clinico in pazienti che presentano diarrea acuta grave. La diagnosi può essere confermata dall'isolamento di V. cholerae da colture di campioni di feci. Test rapidi come gli stick delle feci o la microscopia in campo oscuro possono rafforzare il sospetto diagnostico nelle situazioni in cui la coltura delle feci non è prontamente disponibile. 

COME SI CURA

L'idratazione è il cardine del trattamento per il colera. I fluidi sostitutivi possono essere somministrati per via orale, tranne nei casi di grave disidratazione o shock, in cui è necessario somministrare liquidi per via endovenosa. Per la terapia delle forme moderate e gravi possono anche essere utilizzati gli antibiotici (macrolidi, fluorochinoloni e tetracicline) per via orale che possono abbreviare la durata della diarrea e di conseguenza ridurre le perdite di fluidi. La maggior parte dei V. cholerae O139 e molti dei sierogruppi O1 ElTor sono resistenti al trimetoprim-sulfametssazolo  e al furazolidone. Un'alimentazione adeguata nei pazienti con colera è importante per prevenire la malnutrizione e facilitare il recupero della normale funzione gastrointestinale. Nei bambini più piccoli, la somministrazione di soluzioni per la reidratazione orale non è per nulla incompatibile con l'allattamento al seno che va anzi incoraggiato. 

COME SI PREVIENE

La prevenzione del colera si basa su due principali capisaldi:

la gestione delle acque potabili e reflue (approvvigionamento idrico pulito e servizi igienici adeguati) 

la vaccinazione. 

In Italia la vaccinazione è raccomandata solo per i viaggiatori a rischio (come lavoratori o operatori sanitari che si recano in zone colpite da disastri in aree endemiche e in zone di epidemia), visto che il rischio per la maggior parte dei viaggiatori internazionali è basso (grazie all'adozione di corrette norme igieniche e alle dovute precauzioni per evitare di consumare cibi o bevande contaminati). Il vaccino è somministrato per via orale in due dosi a 7-40 giorni l'una dall'altra.


a cura di: Dott.ssa Caterina Rizzo
in collaborazione con: 
Bambino Gesù Istituto per la Salute