Alopecia androgenetica

Condizione benigna ma cronica che si manifesta generalmente in epoca puberale in ambedue i sessi 

L'alopecia androgenetica è una perdita di capelli che può manifestarsi anche in età pediatrica, nel corso della pubertà.

L'alopecia androgenetica è legata all'eccessiva produzione di ormoni sessuali maschili (androgeni), oppure a una maggiore sensibilità dei recettori cutanei per tali ormoni. Gli androgeni sono presenti sia nei maschi sia nelle femmine, sia pure in proporzione diversa. Nel 47,9% delle ragazze con questo tipo di alopecia, si riscontra dall'ecografia pelvica, l'ovaio policistico, condizione che si accompagna a un'eccessiva produzione di androgeni. L'epoca puberale inizia assai prima del menarca o dello sviluppo della barba e dei peli. Oggi, l'età della pubertà si è abbassata di circa 3 anni, verosimilmente a causa del tipo di alimentazione e dell'aumentato tasso di obesità, pertanto, l'alopecia androgenetica si manifesta anche intorno all'età di 7-9 anni.

L'alopecia androgenetica si manifesta con un diradamento progressivo dei capelli nell'area frontale e del vertice del capo. La zona coinvolta non è del tutto priva di capelli (glabra) e la pelle appare normale. Spesso, si associa a dermatite seborroica, ipertricosi (esagerato sviluppo dei peli) e/o acne.

La diagnosi viene dalla semplice osservazione, nel corso della visita. Ai fini della diagnosi vanno escluse altre forme di perdita dei capelli che di solito non si limitano alla zona frontale e del vertice del capo, ma che è più diffusa. Le forme più frequenti sono:

  • Telogen effluvium idiopatico: è un evento fisiologico, ossia un ricambio normale dei capelli che si manifesta solitamente al cambio di stagione (primavera e autunno) con un diradamento complessivo della capigliatura. Per fortuna tende a risolversi spontaneamente nel giro di qualche settimana;
  • Telogen effluvium secondario: è spesso innescato da malattie acute, interventi chirurgici, malattie autoimmuni, anemia, diete drastiche e/o inadeguate, farmaci o eventi stressanti. 

Nei ragazzi, in assenza di altri sintomi o segni, non è necessario eseguire accertamenti. Nel sospetto di un disturbo endocrino, è indicata una visita endocrinologica per la valutazione specifica e per l'eventuale richiesta di accertamenti ecografici. Nei casi di diagnosi dubbia, si effettuano indagini specifiche, quali l'esame emocromocitometrico, la sideremia, il dosaggio degli ormoni tiroidei, etc. Il pull test (ossia un tentativo di strappo manuale di un ciuffo di capelli) consente di valutare se la caduta è ancora attiva ed è considerato positivo se rimangono in mano un numero elevato di capelli. Il tricogramma consiste nell'analizzare la struttura del capello al microscopio per determinare se vi è un aumento della caduta di capelli. Tuttavia, la storia del paziente, la visita e il pull test sono sufficienti per raggiungere lo stesso risultato.

Non esiste un trattamento risolutivo. Inoltre, la terapia non consente la ricrescita dei capelli, ma aiuta a rallentare la caduta.

Trattamento di prima scelta è il Minoxidil al 2% o al 5% con cui si può ottenere, dopo 6-12-mesi, una ricrescita dei capelli in rarissimi casi, un arresto della caduta nel 25% dei pazienti e un fallimento nel 50%. Tuttavia, alla sospensione delle applicazioni, la caduta dei capelli in genere ricomincia per cui il farmaco va applicato a tempo indeterminato. Comunque, anche se ben tollerato, il trattamento con il Minoxidil non è consentito al di sotto dei 18 anni né dall'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) né dalla Food and Drug Administration americana. Trattandosi di bambini/adolescenti il rischio di assorbimento del farmaco nel sangue è maggiore rispetto agli adulti. Alcuni effetti collaterali del Minoxidil sono un esagerato sviluppo dei peli (ipertricosi), irritazione locale, nausea, cefalea e, in alcuni adolescenti, alterazione degli indici di funzionalità epatica.

L'uso degli antiandrogeni come gli inibitori della 5alfa reduttasi (finasteride) e i veri e propri antagonisti degli androgeni come Spironolattone e Ciproterone acetato è comune nell'adulto, ma non è stato studiato nei bambini e negli adolescenti.
Una terapia ormonale specifica sarà prescritta dall'endocrinologo in caso di disfunzione ormonale documentata.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Ermenegilda Latella, Maya El Hachem
    Unità Operativa di Dermatologia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 11 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net