• È un antibiotico che viene impiegato per curare alcune infezioni batteriche e viene anche utilizzato per le infezioni urinarie come le cistiti
  • Deve essere somministrato al bambino per bocca, sia a stomaco pieno sia a stomaco vuoto
  • È disponibile in compresse o in granulato per sospensione orale
  • È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose
  • L'effetto dovrebbe comparire dopo circa due giorni dall'inizio della somministrazione
  • Seguire scrupolosamente la prescrizione del medico

Cefixima

Cefixima Aurobindo, Cefixima DOC Generici, Cefixima EG, Cefixima Eurogenerici, Cefixima Mylan, Cefixima Mylan Generics, Cefixoral, Stadium, Supracef, Suprax, Unixime.

La Cefixima inibisce la sintesi della parete batterica (meccanismo simile a quello delle penicilline) andando a impedire la crescita del batterio e pertanto lo sviluppo dell'infezione.
È un antibiotico in grado di uccidere i batteri responsabili di molte infezioni. Appartiene al gruppo delle cefalosporine. Può essere impiegato per curare alcune infezioni quali, ad esempio, faringiti, otiti, tonsilliti, cistiti.

È importante che il bambino assuma la Cefixima, se prescritta dal medico, perché serve a curare malattie provocate da alcuni microorganismi chiamati batteri. Bisogna sempre prendere gli antibiotici solo su prescrizione del medico poiché prendere antibiotici quando non serve non porta alcun beneficio e, inoltre, può rendere i batteri resistenti ai successivi trattamenti.

  • Compresse rivestite da film da 400 mg;
  • Compresse dispersibili da 400 mg;
  • Granulato per sospensione orale 100 mg/5 ml.

Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino e per quante volte al giorno. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo seguire scrupolosamente la prescrizione del medico. 

È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose.

La Cefixima è un farmaco che deve essere somministrato al bambino per bocca, sia a stomaco pieno sia a stomaco vuoto.

Compresse rivestite con film
La formulazione in compresse rivestite con film può non essere appropriata per la somministrazione ai bambini. Si deve considerare l'uso di altre formulazioni di Cefixima. Se tale formulazione deve essere assunta dal bambino, è necessario somministrare le compresse di Cefixima per via orale con un bicchiere d'acqua.

Compresse dispersibili
Anche il ricorso alle compresse dispersibili è raramente indicato in età pediatrica. Nel caso in cui fosse indispensabile far ricorso a questa formulazione, la compressa dispersibile di Cefixima può essere disciolta in poca acqua (e quindi bevuta) oppure può essere ingoiata così com'è. Le compresse dispersibili di Cefixima possono contenere saccarosio che è controindicato nei bambini diabetici e nei bambini affetti da rari problemi ereditari d'intolleranza al fruttosio.

Granulato per sospensione orale
Apertura del flacone: il flacone di Cefixima è dotato di un tappo con chiusura di sicurezza per i bambini. Per aprire il flacone è necessario premere con forza il tappo e ruotare contemporaneamente in senso antiorario.

Preparazione della sospensione: aggiungere acqua al granulato contenuto nel flacone fino al punto indicato dalla freccia. Dopo l'aggiunta d'acqua, agitare bene fino a che la polvere è completamente in sospensione. Attendere qualche minuto; se il livello di sospensione fosse inferiore a quello indicato dalla freccia, aggiungere ancora acqua in modo da portare il livello fino a quello indicato dalla freccia. Agitare di nuovo energicamente. Prelevare con il dosatore in siringa, presente nella confezione, la dose necessaria e somministrarla al bambino. La sospensione orale di Cefixima può contenere saccarosio che è controindicato nei bambini diabetici e nei bambini affetti da rari problemi ereditari d'intolleranza al fruttosio.

La sospensione così preparata può essere conservata fino a 14 giorni durante i quali mantiene invariata la propria attività. Si consiglia quindi di riportare sul flacone la data di preparazione della sospensione in modo da poter rispettare la data di scadenza.
Agitare bene ogni volta il flacone contenente la sospensione prima dell'uso.

L'effetto terapeutico della Cefixima dovrebbe comparire dopo circa due giorni dall'inizio della somministrazione. È importante proseguire la terapia con Cefixima prescritta dal medico anche se i sintomi migliorano senza interrompere improvvisamente la terapia.

La Cefixima può comportare alcuni effetti indesiderati come: nausea, bruciore di stomaco, mal di testa, diarrea lieve. In caso di diarrea grave o di grave eruzione cutanea rivolgersi al più presto al medico. In caso di reazione allergica (respirazione difficoltosa, gonfiore alla bocca e alla lingua, prurito intenso e estrema debolezza) rivolgersi immediatamente al pronto soccorso. Segnalare al medico eventuali altri disturbi ritenuti imputabili all'assunzione del farmaco.

Non vi sono sufficienti dati relativi all'uso di Cefixima in bambini e adolescenti con insufficienza renale. Pertanto l'uso della Cefixima non è raccomandato in questi pazienti.

Non vi è esperienza di sovradosaggio con Cefixima. Tuttavia, in caso di sovradosaggio, è comunque consigliabile contattare il medico.

È sempre bene riferire al medico se il bambino sta assumendo altri farmaci per evitare interazioni con potenziali effetti indesiderati o perdita di efficacia del farmaco.
La somministrazione concomitante di sostanze potenzialmente tossiche per il rene (come antibiotici glicosamidici, Colistina, Polimixina) e diuretici ad azione intensa (ad es. acido etacrinico o Furosemide) aumenta il rischio di compromissione della funzionalità renale.

La Nifedipina, un calcio-antagonista utilizzato come antipertensivo, può aumentare la quantità di Cefixima nel sangue.
Come con altre cefalosporine, in alcuni pazienti sono stati notati aumenti del tempo di protrombina. Bisogna pertanto usare Cefixima con cautela nei pazienti in terapia anticoagulante.
La somministrazione di Cefixima può ridurre l'efficacia dei contraccettivi orali.

Se ci si dimentica di somministrare una dose al bambino, somministrare la dose dimenticata a condizione che manchino almeno 12 ore alla somministrazione della dose successiva. Se il bambino sta dormendo, non è necessario svegliarlo per somministrare la dose dimenticata.

Se il bambino vomita entro 30 minuti dopo l'assunzione di una dose di Cefixima, somministrare nuovamente la stessa dose.
Se il bambino vomita oltre 30 minuti dopo l'assunzione di una dose di Cefixima non è necessario somministrare al bambino un'altra dose. Attendere fino alla somministrazione successiva come da prescrizione medica.

Non è stato dimostrato il passaggio di Cefixima nel latte materno. In generale, le cefalosporine somministrate alla madre non causano problemi ai bambini allattati al seno. La somministrazione di Cefixima alle madri nutrici non richiede la sospensione dell'allattamento.

È bene non somministrare Cefixima al bambino in caso di allergia o ipersensibilità alla Cefixima o a uno qualsiasi degli eccipienti; se ha sofferto in precedenza di un'immediata o grave reazione allergica causata dal trattamento con penicilline o con altri antibiotici beta-lattamici. In caso di gravi problemi renali è necessaria molta cautela.

È opportuno conservare le compresse rivestite con film e le compresse dispersibili a temperatura non superiore ai 25°C.
Il granulato per sospensione orale non deve essere conservato a temperatura superiore ai 25°C. Dopo ricostituzione con acqua può essere conservato fino ad un massimo di 14 giorni a temperatura non superiore ai 25°C. La sospensione ricostituita non deve essere refrigerata o congelata.

Tenere il flacone ermeticamente chiuso ed agitarlo bene prima dell'uso. Eliminare qualsiasi residuo inutilizzato dopo 14 giorni. Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata sulla confezione. Tenere in un luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglio illustrativo.

Percorsi di Cura e Salute: le infezioni urinarie


Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Tiziana Corsetti, Antonella Sabia, Antonella Mongelli
    Unità Operativa di Farmacia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net