Ecco i sintomi per distinguere il Covid-19 dal raffreddore e dalla rinite allergica

Durante la stagione invernale e vista la persistenza del coronavirus SARS-CoV-2, è sempre più importante riuscire a distinguere il raffreddore comune dalla rinite allergica e dalla rinite da SARS-CoV-2

Con l’avvio della stagione invernale e in considerazione della persistenza, seppur in netta riduzione, dell’infezione da coronavirus SARS-CoV-2, è sempre più importante riuscire a distinguere il raffreddore comune (rinite che può essere causato da numerosi agenti virali) dalla rinite da SARS-CoV-2.

La rinite del SARS-CoV-2 frequentemente si associa a sintomi quali tosse, mal di gola intenso, febbre alta, malessere generale e, più di rado, difficoltà respiratoria.

Inoltre il SARS-CoV-2 è spesso responsabile di un insieme di manifestazioni che coinvolgono diversi apparati, con sintomi gastrointestinali (vomito e diarrea), sintomi neurologici (cefalea), sintomi osteo articolari (dolori) e altri sintomi come perdita del gusto e/o dell’olfatto.

Esistono numerosi virus in grado di infettare le vie respiratorie, specialmente con la stagione fredda. Fra questi, adenovirus, rinovirus, i virus dell’influenza, altri coronavirus e i virus parainfluenzali. Il raffreddore o rinite comune si associa generalmente a congestione del naso, eventuale tosse e talvolta dolori osteoarticolari.

Non sono solitamente presenti sintomi come difficoltà respiratoria, mal di testa, perdita del gusto e dell’olfatto. La febbre quando è presente è di lieve entità. Una diagnosi di esclusione dell’infezione da SARS-CoV-2 attraverso l’esecuzione di un tampone nasofaringeo (test rapido) è raccomandata in caso di febbre.

Nei mesi primaverili, con l’incremento dei casi di rinite allergica, è molto importante imparare a riconoscere questa forma di rinite da quella da SARS-CoV-2.

In particolare, la rinite allergica, oltre alla congestione nasale, si accompagna con: occhi arrossati (congiuntivite), starnuti in serie e prurito del naso; sintomi generalmente assenti in caso di infezione da SARS-CoV-2. La familiarità per allergia o la storia di allergia in precedenza, sono fattori che rafforzano la diagnosi.

Anche in questo caso, la diagnosi di certezza si effettua attraverso l’esecuzione del tampone naso-faringeo per SARS-CoV-2.

 

Rinite da SARS-CoV-2

Rinite da altri virus Rinite allergica
Secrezione nasale Raramente presente

Presente

Acquosa

Quasi sempre presente

Acquosa

Sensazione di naso chiuso Raramente presente Presente Presente
Anosmia (assenza di olfatto)

Presente

Persistente

Presente, talvolta, solo in fase acuta Presente in fase acuta
Altri sintomi

Faringodinia (mal di gola, spesso intenso)

Tosse

Disfonia (alterazione della voce)

Disgeusia (assenza di gusto)

Sintomi gastrointestinali
Tosse

Starnuti

Occhi arrossati

Prurito nasale

Prurito oculare

Stagionalità

In base alla diffusione del virus

Prevalentemente

Autunno/inverno

Prevalentemente Primaverile


Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Guido Castelli Gattinara*, Giulia Spina**
    *Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell'Adolescente
    **Unità Operativa di Pediatria Generale



 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  lavoraconnoi@opbg.net