BETAMETASONE USO TOPICO

Stampa Pagina

14 giugno 2019

NOME FARMACO/PRINCIPIO ATTIVO
Betametasone

NOMI COMMERCIALI
Beben, Beta 21, Betamesol, Betametasone Diproprionato Sandoz, Betesil, Diprosone, Ecoval, Flocoderm.

A COSA SERVE
Il Betametasone è un corticosteroide. Le formulazioni cutanee a base di Betametasone sono utilizzate per il trattamento di tutte le dermatosi di natura infiammatoria ed allergica che possono trarre beneficio dal trattamento locale con cortisonici. In particolare: dermatiti eczematose (dermatite atopica, da contatto, seborroica, etc.), dermatiti da agenti fisici (luce, calore, raggi X) ed altre dermatosi in particolare la psoriasi.

PERCHÉ È IMPORTANTE CHE MIO FIGLIO LO PRENDA
Il Betametasone per uso topico grazie alla sua attività antiinfiammatoria, antiedemigena, antiallergica e vasocostrittrice allevia la sintomatologia connessa alle dermatosi di natura infiammatoria ed allergica.

IN CHE FORMA È DISPONIBILE

- 0,025 % crema tubo 30 g, 0,05 % crema tubo da 30 g, 0,1 % crema tubo 30 g;
- 0,1 % emulsione cutanea tubo da 30 g;
- 0,1 % gel tubo da 30 g;
- 0,05 % unguento tubo da 30 g; o.1 % unguento tubo da 30 g;
- 2,250 mg cerotto medicato;
- 0,05 % soluzione cutanea.

QUANTO DEVE PRENDERNE
Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino e per quante volte al giorno. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo seguire scrupolosamente la prescrizione del medico

QUANTE VOLTE AL GIORNO LO DEVE PRENDERE
È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose. 

COME DEVE PRENDERLO
Crema, emulsione cutanea, gel, unguento, soluzione cutanea: applicare nell'area cutanea di interesse praticando un lieve massaggio della parte trattata, che potrà essere protetta con una fasciatura o un bendaggio.
Il prodotto non è per uso oftalmico
È importante evitare l'applicazione cutanea in caso il bambino abbia un'accertata ipersensibilità verso il principio attivo o verso gli eccipienti o nel caso di affezioni cutanee tubercolari, da funghi e virali (con particolare riguardo a varicella, pustole vacciniche e herpes simplex).
Cerotto medicato: detergere e poi asciugare accuratamente l'area da trattare prima di ogni applicazione per far sì che il cerotto medicato aderisca al meglio alla cute del bambino.
Aprire la busta contenente il cerotto medicato e, se necessario, ritagliare il cerotto medicato affinché si adatti alla dimensione della zona da trattare. Rimuovere la pellicola protettiva ed applicare la parte adesiva medicata alla zona interessata.
La parte di cerotto non utilizzata va riposta nuovamente nella busta, affinché si conservi e possa essere usata per una prossima applicazione.
Il cerotto medicato non può essere rimosso e riutilizzato.
Una volta applicato il cerotto medicato, la cute del bambino non deve entrare in contatto con l'acqua. Si consiglia di fare il bagno o la doccia al bambino tra due applicazioni successive.
Inoltre, nel caso di applicazione su zone particolarmente mobili (es. gomito, ginocchio), qualora si noti un sollevamento dei bordi del cerotto medicato, si consiglia di applicare i cerotti adesivi per il fissaggio delle medicazioni acclusi alla confezione del medicinale.
Non ricoprire completamente il cerotto medicato con del materiale o bendaggio occlusivo. Non applicare sul viso.
Non utilizzare nei pazienti al di sotto di 18 anni.

QUANTO CI VUOLE PER FARE EFFETTO
Non è possibile stabilire con certezza il tempo necessario affinché il Betametasone per via cutanea faccia effetto data la variabilità di assorbimento tramite la cute

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI PIÙ IMPORTANTI
Gli effetti collaterali più comuni si presentano nel caso di trattamenti eccessivamente prolungati con Betametasone per applicazione cutanea che possono dar luogo a sensazione di bruciore, prurito, irritazione, secchezza della cute, follicolite, aumento della pelosità, eruzioni simili all'acne, ,ipopigmentazione e, soprattutto usando il bendaggio occlusivo, a macerazione della pelle, atrofia della pelle, smagliature della pelle.

COSA SUCCEDE SE NE PRENDE TROPPO
Non esistono problemi di sovradosaggio in seguito ad applicazione cutanea eccessiva di Betametasone. Si dovrà prevedere la possibilità di un maggior assorbimento sistemico del Betametasone quando il preparato viene applicato su superfici cutanee molto ampie, e in particolare usando il bendaggio occlusivo. I bambini possono assorbire dosi proporzionalmente maggiori di Betametasone rispetto all'adulto, risultando quindi più sensibili agli effetti sistemici.

PUÒ PRENDERE ALTRI MEDICINALI
È sempre bene riferire al medico se il bambino sta assumendo altri farmaci per evitare interazioni con potenziali effetti indesiderati o perdita di efficacia del farmaco.
Per le formulazioni cutanee a base di Betametasone non sono note interazioni con altri medicinali.
Si consiglia comunque di leggere attentamente il foglietto illustrativo

COSA SUCCEDE SE SALTA UNA DOSE
Se ci si dimentica di applicare la formulazione cutanea a base di Betametasone, provvedere ad applicarla al più presto nell'area cutanea di interesse.
Non si deve mai interrompere improvvisamente la somministrazione del farmaco.

COSA SUCCEDE SE MIO FIGLIO VOMITA
Se il bambino vomita dopo un'applicazione cutanea di Betametasone, non è necessario riapplicare il Betametasone poiché la formulazione è cutanea e non dipende dall'assorbimento gastrico.

ALLATTAMENTO
Non è noto se il Betametasone somministrato per via topica venga escreto attraverso il latte materno. Perciò il Betametasone per uso topico deve essere utilizzato con cautela durante l'allattamento e non deve essere applicato sul seno. Spetta al medico stabilire l'effettiva necessità dell'applicazione cutanea.

COS'ALTRO POSSO SAPERE SU QUESTA MEDICINA
Nella primissima infanzia il prodotto va somministrato solo in caso di effettiva necessità, sotto diretto controllo medico.
L'uso dei prodotti per uso topico, specie se prolungato, può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione.

COME DEVO CONSERVARE QUESTA MEDICINA
È opportuno conservare la crema, il gel, l'unguento e la soluzione cutanea nella confezione originale in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. Non conservare a temperatura superiore ai 30°C. È opportuno conservare i cerotti medicati ad una temperatura non superiore ai 25°C. Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata. Tenere in un luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglio illustrativo.

Percorsi di Cura e Salute: Allergia

Percorsi di Cura e Salute: Dermatiti nei bambini


a cura di: Tiziana Corsetti, Antonella Mongelli, Antonella Sabia 
Unità Operativa di Farmacia
In collaborazione con: