Ectropion, correzione

Stampa Pagina

23 gennaio 2018

CHE COS'E' L'ECTROPION

L'ectropion consiste nell'eversione del margine libero della palpebra inferiore che perde il contatto con il bulbo oculare.

Il mancato contatto con la cornea provoca l'esposizione e quindi la mancata protezione della superficie oculare ed inoltre la difficoltà di allontanare le lacrime dal fornice congiuntivale.

I principali sintomi conseguenti all'esposizione della congiuntiva e della cornea sono la lacrimazione, l'eczema della cute palpebrale, l'irritazione oculare, la sensazione di corpo estraneo e, negli stadi più avanzati, la cheratite da esposizione.

L'ectropion di solito è acquisito e il più delle volte si osserva in età adulta. 

In età pediatrica è associato a malattie dermatologiche con interessamento oculare quali l'epidermiolisi bollosa e l'ittiosi. Può essere cicatriziale per carenza di cute, per traumi e ustioni.

Può anche essere paralitico per paralisi del nervo faciale e meccanico per il peso esercitato sul bordo da neoformazioni palpebrali.

L'INTERVENTO CHIRURGICO

L'intervento viene eseguito in un ambiente sterile (sala operatoria), normalmente negli adulti in anestesia locale associata o meno ad una sedoanalgesia (utilizzazione di farmaci per via generale che riducono il dolore e l'ansia) nei bambini in anestesia generale.

L'intervento chirurgico ha lo scopo di migliorare la funzionalità della palpebra.

COMPLICAZIONI

Normalmente, l'intervento di correzione dell'ectropion è considerato sicuro ma è possibile il verificarsi di alcune complicanze.


a cura di: Prof. Luca Buzzonetti, Dott.ssa Paola Valente
in collaborazione con:
Bambino Gesù Istituto per la Salute