Orticaria

È un'infiammazione della pelle che può essere provocata da infezioni o allergie (alimenti, farmaci, punture di insetti)
Stampa Pagina

03 settembre 2018


CHE COS'È
L'orticaria è un'infiammazione della pelle che presenta aree arrossate (eritema), rilevate (pomfi) e pruriginose, a causa dell'aumentata permeabilità vascolare a livello locale. Possono essere interessate anche le mucose (es. labbra e palpebre) e gli strati più profondi della pelle che appaiono rigonfi (angioedema).
L'orticaria acuta dura meno di 6 settimane, l'orticaria cronica si presenta quotidianamente (o nella maggior parte dei giorni) per più di 6 settimane. Acuta recidivante è l'orticaria acuta che insorge frequentemente (almeno 1 episodio al mese). Nel bambino, l'orticaria è acuta nella maggior parte dei casi; l'orticaria cronica è rara (0,1-3%) e nel 35-50% dei pazienti si risolve entro 3 anni dall'esordio.

QUALI SONO LE CAUSE
L'eruzione cutanea dell'orticaria compare quando i piccoli vasi capillari della pelle lasciano trasudare il plasma del sangue. Questa trasudazione si verifica quando una sostanza chiamata istamina viene rilasciata da alcune cellule – i mastociti o mastcellule - che si trovano lungo le pareti dei vasi sanguigni della pelle. Le reazioni allergiche e alcune sostanza contenute negli alimenti e nelle medicine possono scatenare il rilascio di istamina e provocare quindi orticaria. Oltre la metà dei casi di orticaria non ha una causa riconosciuta.
Tra le cause note di orticaria acuta

- Le infezioni, soprattutto quelle virali delle alte vie respiratorie e del tratto gastrointestinale, sono la causa più frequente di orticaria acuta;
- L'orticaria allergica è una causa assai meno frequente (riguarda all'incirca il 5% dei casi e ha tre importanti caratteristiche: insorge subito (in genere entro un'ora dal fattore scatenante), insorge sempre (tutte le volte che il bambino assume quel determinato alimento, farmaco o viene punto dallo stesso tipo di insetto, dura poco (svanisce quando l'allergene viene metabolizzato dall'organismo).

Può essere provocata da:

- Alimenti come le arachidi, i frutti di mare, il pesce, le uova e il latte; gli alimenti freschi causano più frequentemente orticaria rispetto a quelli cotti; l'orticaria insorge generalmente tra pochi minuti e dopo due ore dal pasto;
- Farmaci, virtualmente qualunque farmaco può provocare orticaria anche se quelli più frequentemente in causa sono gli antibiotici penicillinici, i sulfamidici, gli anticonvulsivanti, l'aspirina e l'ibuprofene;
- Punture di insetti;
- Allergeni ambientali come la polvere di casa (i dermatofagoidi), le muffe e il pelo degli animali. 

Altre cause di orticaria sono:

- Stirare e strofinare la pelle, il cosiddetto dermografismo, che può verificarsi anche indossando vestiti molto aderenti; 
L'esposizione al sole o alle lampade a UV - la cosiddetta orticaria solare - che può causare comparsa di orticaria nel giro di pochi minuti;
L'esposizione al freddo (orticaria da freddo) causata dal vento freddo o dall'acqua; anche i gelati e i ghiaccioli possono provocare una tumefazione delle labbra.

Riguardo l'orticaria cronica, possono essere coinvolti i meccanismi fisici sopra riportati (es. sfregamento, acqua, pressione, raggi solari). Meno comunemente l'orticaria cronica può essere secondaria a infestazioni del tratto gastroenterico (es. ossiuriasi), collagenopatie, endocrinopatie, neoplasie, malattie autoimmuni (es. celiachia, tiroidite linfocitaria). 

COME SI FA LA DIAGNOSI
La diagnosi di orticaria viene posta dal medico sulla base della storia clinica e di una visita accurata. Spetta allo stesso medico valutare, in particolare nelle forme croniche, l'opportunità di eseguire approfondimenti diagnostici mirati ad individuarne la causa. 

COME SI CURA
Gli antistaminici rappresentano il cardine del trattamento. Si associano steroidi per bocca solo nei casi di angioedema.


a cura di: Alessandro Giovanni Fiocchi, Stefania Arasi
Unità Operativa di Allergologia
In collaborazione con: