Rinite acuta infettiva

Infezione delle mucose del naso, molto frequente soprattutto nei bambini. Guarisce da sé e, nella stragrande maggioranza dei casi, non si giova della terapia antibiotica
Stampa Pagina

14 settembre 2020

CHE COS'È
La rinite acuta infettiva è un'infezione che colpisce le membrane mucose del naso ed è caratterizzata da ostruzione nasale, scolo abbondante di materiale mucoso dalle cavità nasali (rinorrea) e starnutazione. Il termine "acuta" si riferisce alla durata del processo infettivo, che si manifesta e si risolve nel giro di circa 7-10 giorni, e all'intensità dei sintomi, di solito abbastanza evidenti.

QUALI SONO LE CAUSE
I microbi più frequentemente coinvolti sono i virus, che determinano il 98% circa dei casi nei bambini, ma meno frequentemente la rinite acuta può essere provocata anche da batteri.
Tra i virus più di frequente implicati nel processo infettivo vi sono i Rhinovirus, i Coronavirus, i virus dell'influenza, gli Adenovirus, i virus parainfluenzali, il Virus Respiratorio Sinciziale, gli Enterovirus, i Metapneumovirus. Tra i batteri possono essere implicati lo Streptococcus pneumoniae, l'Haemophilus influenzae e la Moraxella catarrhalis.
I batteri possono essere la causa dell'infezione iniziale oppure possono subentrare ad una infezione virale realizzando una sovrainfezione.

QUALI SONO I SINTOMI
Il microbo entra in contatto con le membrane mucose delle cavità nasali provocandone l'infiammazione e pertanto tumefazione della mucosa con abnorme accumulo di liquidi (edema) e dilatazione dei vasi sanguigni (causa dell'ostruzione nasale e dello scolo abbondante di materiale mucoso). L'infiammazione porta anche alla liberazione di una serie di mediatori dell'infiammazione provocando gli starnuti.
La rinite acuta infettiva può presentarsi in forma isolata, ma più comunemente la si riscontra in associazione ad altri sintomi come:

- Cefalea;
- Febbre;
- Senso di malessere;
- Mal di gola;
- Tosse.

In questi casi il microbo ha causato un'infezione più estesa delle vie aree, come accade nel raffreddore comune. La rinite acuta può inoltre complicarsi con l'interessamento dei seni paranasali, cavità naturali situate nelle ossa del viso che circondano il naso, gli occhi e le guance.
L'interessamento dei seni paranasali si verifica soprattutto nelle infezioni batteriche, determinando un quadro di rinosinusite con:

- Cefalea;
- Dolore alla palpazione in corrispondenza dei seni paranasali;
- Alterazione dell'olfatto;
- Tosse;
- Scolo abbondante di materiale purulento sia dalle cavità nasali che "in gola" (nel faringe).  

Oltre alla sinusite, la rinite acuta infettiva – soprattutto se causata da batteri – può complicarsi con:

Otite media;
- Mal di gola o faringotonsillite.

COME SI FA LA DIAGNOSI
La diagnosi si basa generalmente sulla raccolta della storia dei sintomi e sulla visita del bambino.
Trattandosi di un'infezione che di regola guarisce da sé, non vengono effettuati di routine accertamenti microbiologici per identificare il germe che ha causato l'infezione. In casi particolari tuttavia, è possibile effettuare un tampone naso-faringeo o un aspirato rinofaringeo per poter identificare il virus implicato mediante metodiche di microbiologia classica o, più spesso, di medicina molecolare.
Nel caso in cui si sospetti invece una causa batterica, la coltura del tampone o dell'aspirato non risulta generalmente utile in quanto i batteri che causano la rinite si rinvengono spesso anche nei soggetti sani in quanto fanno parte della normale flora batterica della mucosa nasale. .

COME SI CURA
La terapia della rinite acuta infettiva è soprattutto sintomatica – volta quindi al controllo dei sintomi – qualora si sospetti o si confermi una causa virale. Necessità di antibiotici quando il germe che causa la rinite è un batterio, soprattutto se sta causando complicanze. L'antibiotico va sempre prescritto dal pediatra.
La rinite acuta infettiva è quasi sempre causata da virus e non si giova della terapia antibiotica. Per contro, è anche una delle cause principali di uso inappropriato di antibiotici, quindi del fenomeno della resistenza agli antibiotici che oggi sta minando sempre più l'efficacia di questi farmaci, spesso salvavita.
L'ostruzione nasale può essere migliorata effettuando lavaggi nasali con soluzione fisiologica o soluzione ipertonica. In alcuni casi può inoltre essere utile l'impiego di un decongestionante nasale (ad esempio l'argento vitellinato). La febbre e il mal di gola possono giovarsi dell'impiego di un antipiretico e di un antinfiammatorio.

COME SI PREVIENE
Essendo perlopiù causata da germi che si trasmettono per via aerea, la prevenzione si basa prima di tutto sull'evitare il contatto ravvicinato con soggetti affetti da rinite acuta infettiva o da infezioni delle vie aeree.
È certamente utile:

- Incoraggiare il bambino a lavarsi spesso le mani e a non toccarsi bocca, occhi o naso se prima non si è lavato le mani;
- Pulire e lavare i giochi utilizzati da più bambini.

È inoltre importante effettuare le vaccinazioni di legge per alcuni dei germi implicati, soprattutto per evitare le complicanze dovute a un interessamento più importante delle vie aeree. In alcuni bambini è inoltre indicato effettuare la vaccinazione per il virus dell'influenza.


a cura di: Valeria Pansini
Unità Operativa di Pediatria Generale
In collaborazione con: