Epidermolisi bollosa: i problemi della bocca

Questa malattia genetica coinvolge vari apparati e organi della bocca che presenta, in questi casi, delle lesioni a forma di bolle 

L'epidermolisi bollosa è una malattia genetica (genodermatosi) che coinvolge diversi organi e apparati ed in particolare la bocca. Nella bocca dei bambini con questa patologia si può osservare la formazione di lesioni a tipo bolle o vescicole che si manifestano spontaneamente o in seguito a minimi traumi delle mucose (gengive, interno delle guance, palato, lingua, etc.). Il colore delle lesioni può essere bianco o rosso, a seconda che contengano al loro interno siero o sangue.
L'interessamento del cavo orale può essere di diverso tipo in base alla gravità della patologia. Infatti, mentre nelle forme più lievi (come nell'Epidermolisi bollosa semplice e giunzionale), le bolle guariscono senza alcun esito, nelle forme più gravi (come nell'Epidermolisi bollosa distrofica), la formazione continua e diffusa di bolle provoca lesioni ulcerative che dopo la guarigione possono portare ad alterazioni della cavità orale.

Epidermolisi bollosa: i problemi della bocca

In queste forme, si può notare che la lingua diventa gradualmente liscia e i suoi movimenti possono anche ridursi progressivamente fino a un'eccessiva aderenza al pavimento della bocca che ne limita la funzionalità (anchiloglossia). Inoltre, l'apertura della bocca può risultare limitata e lo spazio al di sotto delle labbra può apparire ridotto.

Epidermolisi bollosa: i problemi della bocca

I bambini affetti da epidermolisi bollosa hanno spesso le gengive rosse e gonfie e talvolta, i denti presentano anomalie della struttura (come un'ipoplasia o ipomineralizzazione dello smalto).

Epidermolisi bollosa: i problemi della bocca

La prima visita odontoiatrica dovrebbe essere effettuata nei primi mesi di vita in modo da aiutare i genitori nella corretta gestione della bocca del piccolo paziente; infatti, i genitori devono saper riconoscere e gestire le eventuali lesioni che possono insorgere nella bocca del loro bambino ancor prima che i denti erompano. Inoltre, il dentista istruirà i genitori alle corrette abitudini alimentari ed un corretto utilizzo dei presidi per l'igiene orale (es. spazzolini) sia per i tessuti molli che per i tessuti duri.
Le ultime linee guida evidenziano l'importanza di un corretto programma di prevenzione odontoiatrica al fine di evitare la formazione di carie e di infiammazioni gengivali nei bambini con epidermolisi bollosa.
Tale programma prevede:

  • Visite odontoiatriche periodiche. Il controllo odontoiatrico deve essere ripetuto ogni 3 mesi per valutare la presenza di carie e lo stato delle mucose;
  • Igiene orale domiciliare. Lo spazzolamento degli elementi dentari è fondamentale, ma necessita di alcuni accorgimenti:
    • Lo spazzolino può essere manuale o elettrico ed è importante che la testina sia piccola con setole morbide (per lo spazzolino elettrico utilizzare quella ultra-thin);
    • In presenza di lesioni bollose sulle mucose del cavo orale, è preferibile ammorbidirle con acqua tiepida;
    • Lo spazzolamento deve essere effettuato sotto il controllo del genitore per migliorare la rimozione della placca e limitare l'insulto ai tessuti molli;
    • In caso di estrema dolorabilità del cavo orale, è indicato pulire le superfici dentarie con una garza inumidita con collutorio al fluoro dopo ogni pasto;
    • È consigliato l'utilizzo domiciliare di creme remineralizzanti da applicare su tutte le superfici dentarie;
    • È importante spazzolare i denti dopo ogni pasto con spazzolini a setole morbide o medie, adeguate allo stato clinico delle lesioni vescicolo-bollose.
  • Igiene orale professionale. La programmazione del trattamento viene effettuata dallo specialista in base alla situazione clinica;
  • Profilassi. Sono indicate le sigillature dei molari decidui (da latte) e permanenti, considerando la difficoltà nell'eseguire le manovre di igiene orale domiciliare;
  • Terapie ausiliarie
    • La Clorexidina 0.12%, presente sotto forma di collutori, spray o gel, può ridurre l'infiammazione dei tessuti gengivali. L'applicazione deve essere ripetuta 2 volte al giorno per 2 settimane ogni 3 mesi;
    • Evitare collutori contenenti alcol che possono aggravare la formazione delle bolle;
    • È indicata l'applicazione trimestrale di fluoro topico sugli elementi dentari permanenti e decidui (da latte). 
  • Modifiche alimentari. È essenziale una limitata assunzione di zuccheri per prevenire la formazione di lesioni cariose. 

In base alla situazione clinica, i trattamenti odontoiatrici verranno programmati con tutti gli accorgimenti necessari in base alla gravità dell'epidermolisi bollosa. L'approccio terapeutico sarà, quindi, multidisciplinare ed individualizzato ad ogni singolo caso clinico.  

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Angela Galeotti
    Unità Operativa di Odontostomatologia
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 08 giugno 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net