Laringomalacia

La causa più frequente è lo stridore neonatale. La malattia può risolversi spontaneamente, richiedere una cura medica o, più raramente, un intervento chirurgico 

È la causa più frequente di stridore neonatale. Può essere definita come un'immaturità dell'impalcatura di cartilagine della laringe. La laringe è di conseguenza flaccida e, a ogni respiro, si affloscia verso l'interno al di sopra delle corde vocali. In questo modo, ostruisce le vie respiratorie e causa lo stridore. 

Nonostante il disturbo sia frequente nei neonati, le cause precise non sono ancora state accertate. Certamente hanno a che vedere con lo sviluppo della laringe durante la vita fetale. I muscoli della laringe possono essere deboli (ipotonici) oppure possono essere mal coordinati con i movimenti della respirazione.

Il sintomo principale è lo stridore laringeo, un rumore respiratorio di tonalità acuta che si verifica prevalentemente durante l'inspirazione. I sintomi associati variano in funzione della gravità della laringomalacia e possono essere:

La diagnosi richiede un'endoscopia delle vie aeree (laringoscopia) sia con il bambino sveglio sia in sedazione. Il medico specialista – solitamente un otorinolaringoiatra – introduce un sottile tubo flessibile nelle vie aeree attraverso il naso o la bocca. Gli è così possibile osservare le pareti della laringe e le corde vocali.
Per valutare la gravità della malattia vanno eseguiti alcuni esami funzionali:

Per le forme lievi può essere sufficiente una terapia medica anti-reflusso associata a diete e norme igieniche comportamentali anti-reflusso. Le forme gravi (circa il 12%) devono essere curate con un intervento chirurgico chiamato sopraglottoplastica, eseguito solitamente per via endoscopica.

Questa malattia non è prevenibile, tuttavia un trattamento comportamentale e medico anti-reflusso può accelerare la risoluzione spontanea nelle forme lievi.

Nelle forme lievi, la malattia si risolve spontaneamente con la scomparsa dei sintomi entro i due anni di vita.
Le forme gravi si risolvono nell'immediato post-operatorio di sopraglottoplastica.
Le ricadute sono rare e associate solo a malattie neurologiche.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Marilena Trozzi
    Unità Operativa Chirurgia delle vie aeree
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 05 gennaio 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net