Somatizzazioni dei bambini e degli adolescenti

Sintomi che non originano da problemi del corpo ma dallo stretto legame che collega il corpo con l'ambiente e con la psiche 

Molto spesso i bambini e gli adolescenti hanno sintomi come:

In presenza di questi sintomi si rende necessario un consulto medico. I sintomi riferiti da questi bambini possono durare da mesi e sono motivo di diversi accessi al pronto soccorso o di indagini diagnostiche dalle quali non emerge qualunque causa medica.

Tali malesseri possono avere una predisposizione familiare, la quale però non sempre spiega la frequenza e intensità di tali sintomi. In tal caso, si può parlare di “somatizzazione”.

Porre l'attenzione esclusivamente sulle possibili cause “organiche” (cioè sui problemi del corpo) può essere fuorviante e portare a molti controlli medici che possono generare frustrazione e aumentare la crescita dei genitori e dei ragazzi. 

Questi sintomi possono essere considerati, infatti, frutto dello stretto legame che collega il corpo con l'ambiente e con la psiche. 

Di solito, i bambini e gli adolescenti propensi alla somatizzazione sono:

  • Molto sensibili;
  • Emotivi;
  • Facilmente eccitabili;
  • Chiusi e con difficoltà a confidare le proprie emozioni e i propri bisogni. 

Queste difficoltà favoriscono l’espressione dei propri problemi attraverso il corpo. I sintomi della somatizzazione si presentano spesso in maniera ciclica e in coincidenza con situazioni particolari. 

I dolori e gli altri sintomi compaiono frequentemente nel periodo scolastico. Pur non parlando apertamente delle loro preoccupazioni, molti bambini manifestano malessere a scuola, in vista di interrogazioni, compiti in classe o quando il carico di studio diventa eccessivo.

Per molti ragazzi, “essere bravi a scuola” è un modo per sentirsi maggiormente apprezzati o per ricevere maggiori attenzioni; questo può essere la causa del timore di fallimenti o dei brutti voti e può innescare un aumento dell’ansia, che a sua volta può scatenare dolore o altri sintomi della somatizzazione.

La scuola può essere anche una fonte di preoccupazione per le relazioni con i compagni. I bambini che somatizzano possono sentirsi diversi dai propri compagni, o sentirsi esclusi dal gruppo.
Talvolta un dolore o un malessere a scuola può essere legato a episodi di bullismo, che a volte il bambino evita di raccontare ai genitori per imbarazzo o per timore di peggiorare la situazione. 

Molto spesso i ragazzi richiedono l’intervento di un familiare per essere riaccompagnati a casa, dove il malessere può attenuarsi o passare. Questo non significa necessariamente che il bambino abbia “inventato” un sintomo: può indicare un alleggerimento dello stress una volta tornato nel posto sicuro, che è la casa. 

Spesso il malessere a scuola nasconde un’altra forma di ansia, che riguarda la separazione dai genitori e il bisogno della loro vicinanza. Il bambino, oltre a piangere, può dire di avere dolore, per esempio mal di pancia.

I sintomi possono far sì che il bambino riceva maggior attenzione da parte dei genitori e, talvolta, “speciali privilegi” come la possibilità di non andare a scuola. Questo fa sì che il dolore o il sintomo tendano a ripetersi e a non passare.

La casa, per un bambino, può essere un posto sicuro ma anche un luogo di tensioni e di stress. Dietro un mal di testa o un calo dell’appetito può nascondersi una preoccupazione o un senso di impotenza rispetto ad alcuni problemi familiari che talvolta non riguardano direttamente il bambino.

Si tratta, spesso, di situazioni di rapporto conflittuale tra i genitori. I bambini possono vivere in un clima di tensione, con il timore di una separazione tra i genitori o di un nuovo litigio. Il corpo può farsi portavoce di un disagio che non riesce a essere detto con le parole

I dolori e i sintomi che non originano da problemi del corpo, possono, dunque, essere “sintomo” di difficoltà di tipo psicologico, come ansia e depressione, legato a difficoltà di tipo scolastico, relazionale, familiare o che originano da eventi stressanti.

L'individuazione precoce di problematiche emotive “nascoste” dietro i sintomi somatici è fondamentale per ridurre la sofferenza fisica dei bambini e degli adolescenti ma anche per prevenire il peggioramento di difficoltà psicologiche che potrebbero causare disturbi psichiatrici.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù


  • A cura di: Samuela Tarantino
    Unità Operativa di Psicologia Clinica
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 16  Luglio 2021 


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  lavoraconnoi@opbg.net