Nuovo Coronavirus: perché la variante delta corre così veloce

Diffusa rapidamente in gran parte del mondo, questa variante del virus presenta caratteristiche particolari che lo rendono molto più contagioso. All'inizio del 2022 è stata soppiantata da una nuova variante ancora più contagiosa, la variante Omicron 

Tra le tante varianti del virus SARS CoV-2 (identificate dopo la prima descrizione dell’infezione da coronavirus che causa la malattia Covid-19), la variante Delta, apparsa in India alla fine del 2020, presenta caratteristiche particolari. Questo ceppo della SARS-CoV-2 in poco tempo è diventato predominante in gran parte del mondo

Sembra che ora i ricercatori abbiano capito perché la Delta abbia avuto così tanta capacità di diffondersi in tutto il mondo: le persone infettate con questa variante producono molto più virus di quelle infettate con la versione originale di SARS-CoV-2, e ciò la rende molto più contagiosa.

Secondo alcuni studi la variante Delta potrebbe essere trasmissibile due volte di più del ceppo originale di SARS-CoV-2. Infatti studiosi cinesi hanno potuto documentare che in alcune persone esposte al Coronavirus Delta e seguite giorno per giorno, la "carica virale" - una misura della quantità di particelle virali nel corpo – cresceva molto più rapidamente dopo l’esposizione.

Questi soggetti mostravano il virus fin dal quarto giorno dopo il contagio, quindi molto prima dei 6 giorni in media del coronavirus originario, suggerendo che Delta si replica molto più velocemente. Infatti gli individui infetti avevano cariche virali fino a 1.260 volte superiori a quelle delle persone infettate con il ceppo originale.

La combinazione di un alto numero di virus e di un breve periodo di incubazione viene ritenuta la causa della elevata trasmissibilità di Delta, che dai dati del Regno Unito è risultata essere oltre il 60% più trasmissibile della precedente variante inglese Alfa (cosiddetta B.1.1.7) identificata in quel Paese nel 2020.

L'enorme quantità di virus nel tratto respiratorio significa che le occasioni di super diffusione – gli eventi sociali in cui si affolla un gran numero di persone - possono infettare ancora più persone, e che le persone potrebbero iniziare a diffondere il virus anche presto, subito dopo essere state infettate. La più breve incubazione, inoltre, rende il rintracciamento dei contatti ancora più difficile. 

Restano ancora aperti diversi quesiti. Non è ancora chiaro, per esempio, se è più probabile che causi forme gravi di malattia rispetto al ceppo originale. Inoltre non è noto quanto sia in grado di eludere il sistema immunitario. 

Al momento sembra che, sebbene la vaccinazione non riesca sempre a evitare l’infezione, mantenga la capacità di prevenire le forme gravi di Covid-19.

Sfoglia online il numero di 'A scuola di salute' dedicato ai vaccini contro il Nuovo Coronavirus:

 

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Guido Castelli Gattinara
    Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell'Adolescente
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 01  Giugno 2022 


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net