Rabbia: il vaccino

Previene una grave malattia virale trasmessa da animali infetti tramite morsi, graffi o contatto con la saliva 

La rabbia è una malattia infettiva causata da un virus che colpisce animali selvatici che possono trasmettere l’infezione all’uomo tramite morsi, graffi, o anche mediante il semplice contatto della saliva infetta. I sintomi caratteristici della malattia, che compaiono dopo un lungo periodo di incubazione, sono: febbre e dolore nella parte interessata dal morso o dal graffio dell’animale malato, fotofobia (sensibilità alla luce), problemi di deglutizione, contrazioni involontarie del diaframma e dei muscoli respiratori in seguito all'ingestione di liquidi (idrofobia) o all'esposizione a correnti d'aria (aerofobia). La malattia è estremamente grave ed è solitamente ad esito infausto.
La rabbia è ampiamente diffusa in tutto il mondo; Asia e Africa hanno una frequenza maggiore e il bilancio annuale delle vittime è di circa 60.000 casi. L’Europa ha ottenuto in molte zone lo status di “libera dal rischio rabbia”.

È disponibile un vaccino efficace che si somministra con un’iniezione, costituito da virus della rabbia ucciso. 

La vaccinazione è di solito effettuata dopo il morso o il graffio di un animale infetto o fortemente sospetto di esserlo, richiede al minimo 5 dosi e prevede una somministrazione ai giorni 0, 3, 7, 14, 28, e dei controlli dei livelli di anticorpo specifico dopo vaccinazione.

La peculiarità di questo vaccino è che viene di solito somministrato solo dopo un’esposizione alla malattia (morso o graffio da animale infetto o fortemente sospetto avvenuto in zona endemica). Questo è possibile per la lunga incubazione del virus, che dà la possibilità di osservare l’animale e accertare che sia malato, quindi effettuare il vaccino solo quando realmente serve, riducendo eventuali effetti collaterali.

Gli effetti collaterali comuni sono il dolore nel sito di somministrazione, mal di testa, nausea e vomito. Manifestazioni allergiche gravi di tipo anafilattico sono invece molto più rare.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù


  • A cura di: Alberto Eugenio Tozzi
    Area di Ricerca Malattie Multifattoriali e Malattie Complesse
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 22  Novembre 2021 


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net