Sindrome di Down: i disturbi visivi dei bambini

Nel corso dei primi anni di vita, circa 6 bambini su 10 con sindrome di Down presentano disturbi della vista 

  • Cataratta congenita: opacità del cristallino in grado di interferire significativamente sulla sua trasparenza, quindi di ridurre la vista;
  • Disturbi della mobilità:
    • Nistagmo, una sorta di continuo movimento involontario, rapido e ripetitivo degli occhi causato generalmente da un difetto nello sviluppo della capacità visiva;
    • Strabismo, cioè la deviazione di uno o entrambi gli occhi provocata dal malfunzionamento dei muscoli oculari;
  • Vizi di refrazione: sono i difetti ottici in cui la cornea e il cristallino non mettono perfettamente a fuoco le immagini sulla retina. Di conseguenza la vista è offuscata. Infatti, l'immagine deve essere messa a fuoco proprio in corrispondenza della retina. Quando l'immagine è messa a fuoco davanti alla retina, si ha la miopia. Quando invece l'immagine è messa a fuoco dietro la retina, si ha l'ipermetropia.
    Nell'astigmatismo, la cornea o il cristallino hanno imperfezioni, non sono perfettamente sferici e gli oggetti risultano offuscati da qualunque distanza. I vizi di refrazione comportano la necessità di ricorrere a lenti correttive;
  • Cheratocono: deformazione della cornea che può produrre importanti alterazioni della qualità ottica dell'immagine e riduzione della capacità visiva;
  • Stenosi del dotti lacrimali: ostruzione/restringimento delle vie lacrimali che impedisce alle lacrime di defluire regolarmente nella cavità del naso. Di conseguenza si ha lacrimazione abbondante. Se vi è una vera e propria ostruzione, può essere risolta soltanto per via chirurgica, con un intervento che si chiama dacriocistorinostomia. L'ostruzione dei dotti lacrimali è frequente nel neonato e tende a risolversi spontaneamente nel corso dei primi mesi di vita.

Sindrome di Down: i disturbi visivi dei bambini

Come è fatto l'occhio.

Nel corso dei primi anni di vita, circa 6 bambini su 10 con sindrome di Down presentano problemi di refrazione. Il cheratocono è presente nel 15% circa dei bambini.

 

 

Un controllo alla nascita o nei primi giorni di vita per la cataratta, successivamente un controllo a 6 mesi-1 anno ed in seguito un controllo annuale. È consigliabile fare questi controlli in centri specializzati. 

Un vizio di refrazione non diagnosticato può incidere sullo sviluppo psicomotorio globale. La cataratta, se evolve, interferisce con la capacità visiva e dunque, quando indicato, è opportuno eseguire un intervento chirurgico per rimuoverla. Il cheratocono nelle fasi iniziali può essere trattato con il cross-linking, una tecnica minimamente invasiva, che agisce rinforzando e stabilizzando la struttura della cornea. Il cheratocono causa un progressivo assottigliamento della cornea che il cross-linking, quando risulta efficace, impedisce. Quindi il cross-linking non elimina il cheratocono, ma può arrestarne la progressione evitando il trapianto della cornea. 

Sfoglia online la guida di 'A scuola di salute' dedicata alla Sindrome di Down
Volume 1:

Volume 2:

Volume 3:

Volume 4:

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Diletta Valentini
    Unità Operativa di Pediatria Generale
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 22 aprile 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net