Allergie, potenziato il servizio di consulenza telefonica per i casi non urgenti

Il servizio, già attivo, ha esteso il proprio orario di attività (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00) per dare risposta a chi ha problemi che si possono risolvere senza dover andare in ospedale
Stampa Pagina

17 marzo 2020

La linea telefonica dedicata ai bambini con problemi di allergia aumenta il proprio orario di attività. Per assistere chi soffre di problematiche gestibili senza accedere in ospedale, l'Unità operativa di Allergologia del Bambino Gesù mette a disposizione degli utenti un servizio di consulenza attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 16:00. Il numero da contattare in caso di necessità è lo 06.6859.2296

Risponderanno medici dell'Unità operativa che saranno a disposizione per fornire consigli relativamente alla stagione primaverile ed a tutte le problematiche che gli allergici possono avere in questo periodo. Nel dettaglio il servizio è rivolto a chi soffre di allergie ai pollini, ma anche a chi soffre di allergie alimentare (che in questo periodo non possono sottoporsi al test di esposizione a causa del rinvio delle attività ambulatoriali non urgenti) e per allergie ai farmaci di lieve entità (il numero non serve a prenotare visite). 

Il servizio, già attivo, è stato potenziato attraverso l'ampliamento della fascia oraria. Si tratta di un'iniziativa presa per cercare di dare risposte a chi soffre di problemi legati alle allergie risolvibili senza doversi recare in ospedale. Un modo per essere a disposizioni di questi bambini e ragazzi, in un momento in cui, a causa dell'emergenza coronavirus, la Regione Lazio ha chiesto il differimento delle attività ambulatoriali non urgenti.  

Ovviamente, per tutte le prestazioni definite come "indifferibili" si può continuare ad accedere in ospedale. Rientrano fra queste: i test di provocazione per farmaci in imminente necessità di somministrazione, l'immunoterapia specifica sottocutanea e la somministrazione di terapia biologica.