Chef per un giorno: giovani diabetici imparano a cucinare con gli esperti dell'Italian Chef Academy

I ragazzi dell'Unità di diabetologia insieme ai genitori per realizzare un menù ad hoc senza esclusione…di cioccolato!
Stampa Pagina

08 maggio 2019

Buon cibo e diabete sembra un binomio impossibile e invece il tema può riservare delle sorprese soprattutto se esplorato insieme a dei professionisti come quelli dell'Italian Chef Academy. Per un giorno alcuni ragazzi seguiti dall'Unità di Diabetologia del Bambino Gesù, guidata dal dottor Stefano Cianfarani, si sono trasformati in chef per realizzare insieme ai genitori un menù raffinato e gustoso completo di dolce al cioccolato con l'impiego con farine a basso indice glicemico. L'iniziativa è un modo pratico e divertente per educare alla sana alimentazione alimentare come spiega la dottoressa Antonella Lorubbio, nutrizionista di Diabetologia, che ha curato il progetto.

Qual è il senso di questa iniziativa?

L'iniziativa rientra tra le attività teorico-pratiche di educazione alimentare rivolte ai bambini e ragazzi affetti da Diabete Tipo 1, seguiti presso la nostra Unità di Diabetologia. L'educazione alimentare, che prevede la conoscenza degli alimenti e la composizione dei nutrienti essenziali alla crescita dei bambini e dei ragazzi è uno strumento importante nel diabete sia per sfatare i falsi miti legati alle limitazioni alimentari nei pazienti affetti da Diabete tipo 1, ma anche a cementare delle buone abitudini alimentari che associate ad uno stile di vita attivo concorrono nella prevenzione di patologie metaboliche.

Perché è importante coinvolgere i genitori insieme ai ragazzi?

La condivisione a livello familiare è fondamentale nel caso delle patologie croniche. Molto spesso il momento del pasto a livello familiare è vissuto come stressante. I ragazzi, soprattutto nella fascia d'età adolescenziale sono poco aderenti alle indicazioni alimentari e ad uno stile di vita "healthy", salutare. Molto spesso in questa fascia d'età critica possono insorgere anche dei disturbi del comportamento alimentare. Creare un momento di condivisione serena con i genitori e gli altri coetanei affetti dalla stessa patologia è un fattore favorente per migliorare il rapporto con il cibo e per sfatare i falsi miti legati all'alimentazione nel diabete che troppo spesso vedono il divieto, senza fondamento, di alcuni cibi come la pizza o i dolci.

Quale menù è stato realizzato?

Il menù è stato accuratamente studiato in collaborazione con l'Associazione Italiana Chef. Sono stati utilizzati ingredienti di elevata qualità, con il rispetto della stagionalità per quanto riguarda le verdure ed utilizzate farine integrali a basso indice glicemico per la preparazione dei piatti che sono stati composti e realizzati dai ragazzi con l'aiuto dei genitori e sotto la sapiente guida degli chef.
Ecco il Menù:

Flan di Asparagi con spaghetto di cavolo viola osmotico e salsa di finocchi;

Ravioli integrali di ricotta ed Agrumi in salsa di pomodorini freschi, basilico e zucchine

e per finire in dolcezza: 

Brownie con ganache al cioccolato vegano.

Quale messaggio volete arrivi alle famiglie attraverso questa iniziativa?

Vogliamo che alle famiglie arrivi un messaggio di "normalizzazione" verso la patologia dei propri figli, che non necessitano di un'alimentazione speciale, ma solo di prediligere un'alimentazione povera di zuccheri semplici e più ricca in fibre e carboidrati integrali a più basso indice glicemico, che incidano meno sul picco glicemico post-prandiale. Con il supporto di chef professionisti, i genitori hanno usufruito di suggerimenti per riprodurre anche a casa delle ricette gustose, con la giusta proporzione tra nutrienti appropriati sia alla sana crescita dei propri figli che ad un miglior compenso glicemico post-pasto. Speriamo che i genitori possano sentirsi sollevati dalle preoccupazioni legate alla preparazione del pasto e rivivere ogni giorno a casa insieme ai propri figli la complicità e la giocosità che si è creata in cucina nella realizzazione di un menù da Master Chef!