Coronavirus, le consulenze online dei nutrizionisti

Attraverso il gruppo Facebook "miofigliononmangia" oppure scrivendo all'indirizzo un'email a miofigliononmangia@opbg.net è possibile dialogare con gli esperti per avere informazioni e consigli sul tema dell'alimentazione
Stampa Pagina

08 aprile 2020

I nutrizionisti del Bambino Gesù, per fornire informazioni e assistenza per le richieste di salute non urgenti delle famiglie durante l'emergenza Coronavirus, hanno potenziato i servizi online.

Attraverso il gruppo Facebook "miofigliononmangia" oppure scrivendo all'indirizzo un'email a miofigliononmangia@opbg.net è infatti possibile dialogare con gli esperti per avere informazioni e consigli sul tema dell'alimentazione: suggerimenti, giochi, ricette da preparare insieme ai propri figli per la costruzione di un modello alimentare salutare da condividere in famiglia anche in questo periodo di permanenza forzata a casa.   

Grazie al servizio telematico i nutrizionisti dell'Ospedale possono raccogliere e valutate tutte le informazioni necessarie per inquadrato il tipo di assistenza più appropriato, comprese, se necessario, valutazioni ambulatoriali.

È stata inoltre attivata una casella di posta elettronica, pac-educazionealimentare@opbg.net, dedicata ai bambini affetti da obesità già seguiti precedentemente in ambulatorio. Attraverso il contatto gli esperti di alimentazione dell'Ospedale continuano a dare indicazioni sul regime alimentare, indicazioni e regole – come il decalogo -  e, per chi vuole, anche un questionario in cui i genitori possono rendicontare sull'andamento delle prescrizioni alimentari. I genitori vengono contatti telefonicamente viene loro spiegato cosa fare e come comportarsi in questa particolare fase. Il servizio di consulenza a distanza resta attivo anche dopo la ripresa delle attività ambulatoriali dell'Ospedale di giovedì 28 maggio.  

«Da quando abbiamo aumentato l'attività a distanza, nelle ultime 3 settimane, i contatti sono passati da 180 a 1190 – spiega il dottor Giuseppe Morino, responsabile di educazione alimentare dell'Ospedale -  Attraverso il gruppo facebook e l'email dedicata consigliamo ai genitori ricette, iniziative, oltre a fornire tutte le indicazioni necessarie. Le richieste più frequenti riguardano i bambini piccoli, tra i 2 e i 3 anni speso, e la loro spesso accentuata selettività alimentare. I genitori ci chiedono come poterla superare. Devo dire che anche solo il contatto, a prescindere poi dai contenuti, è particolarmente apprezzato dalle famiglie che riescono a non sentirsi abbandonate anche in questa particolare fase».