Tumori solidi che colpiscono l'età pediatrica

Queste forme tumorali pediatriche possono essere curate attraverso strategie terapeutiche come la chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia
Stampa Pagina

03 agosto 2017


CHE COS'È UN TUMORE

Ogni organismo vivente, sia esso vegetale o animale, è costituito da gruppi di cellule specializzate in vari compiti che, unite tra loro, formano i tessuti del corpo (come pelle, ossa, ecc); più tessuti insieme formano gli organi e più organi insieme formano gli apparati. A volte, la macchina perfetta che è l'uomo si inceppa e, per ragioni a noi in parte sconosciute, alcune cellule iniziano a riprodursi e a moltiplicarsi senza controllo. Potremmo definirle "impazzite", cellule cioè che non hanno le caratteristiche e le funzioni delle cellule normali, ma aumentano esponenzialmente di numero all'interno di uno o più organi/apparati fino a formare il tumore. Ciò che fa "impazzire" queste cellule e ciò che le rende capaci di moltiplicarsi senza controllo, nella maggior parte dei tumori non è noto. Quello che attualmente si sa, è che il tumore si forma per un'improvvisa perdita dei meccanismi di controllo della moltiplicazione cellulare

I PRINCIPALI TUMORI DELL'ETÀ PEDIATRICA
I principali tumori dell'età pediatrica sono:

- Tumori del sistema nervoso centrale;
- Tumore di Wilms;
- Neuroblastoma;
- Sarcomi;
- Rabdomiosarcoma;
- Sarcoma di Ewing;
- Osteosarcomi;
- Retinoblastoma.

COME SI CURANO
Le principali strategie terapeutiche in nostro possesso per curare un tumore sono: chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia.

QUAL È LA PROGNOSI
Grazie ai progressi effettuati nel campo della medicina, una percentuale molto alta di bambini affetti da tumore, sopravvive alla malattia e soprattutto non si ammala più. Le percentuali di guarigione dei tumori nei bambini, variano a seconda della patologia considerata, essendo molto alta per le leucemie linfoblasti che acute senza fattori di rischio particolari. Per quanto riguarda i tumori solidi, sicuramente i migliori risultati si sono ottenuti per il retino blastoma e per il tumore di Wilms, mentre risultati ancora poco soddisfacenti, seppur in progressivo miglioramento, si registrano nel caso dei tumori cerebrali. Guarire, però, talvolta ha un costo: i giovani guariti devono prendere la responsabilità di sottoporsi a controlli regolari per evidenziare precocemente eventuali effetti collaterali a lunga distanza legati al trattamento e devono condurre uno stile di vita sano.
Fortunatamente, però, la maggiore parte dei bambini guariti può condurre una vita normale sotto ogni aspetto. 


a cura di: Aurora Castellano, Maria Debora De Pasquale
Unità Operativa di Onco-Ematologia
In collaborazione con: