Nasce la rete per lo sviluppo di nuovi farmaci per i bambini

Si chiama c4c e punta a diventare un punto di riferimento per le sperimentazioni cliniche condotte in pediatria. Il Bambino Gesù è uno dei principali partner del progetto
Stampa Pagina

04 giugno 2018

Un consorzio per promuovere le sperimentazioni cliniche volte allo sviluppo dei farmaci e terapie per i bambini. Si chiama "Conect4Children" (c4c - Collaborative network for European clinical trials for children) e mira a incrementare la competitività dell'Europa nello sviluppo di farmaci pediatrici, coinvolgendo le realtà che già operano in questo ambito, tra cui l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.  Il consorzio c4c rappresenta una nuova collaborazione tra accademia e settore privato. Mette insieme 33 realtà accademiche, 10 partner industriali provenienti da 20 paesi europei, oltre 50 terze parti e circa 500 partner affiliati. 

Il progetto

Nello specifico c4c ha appena avviato un progetto, della durata di 6 anni, che mira a realizzare un'infrastruttura sostenibile che ottimizzi la realizzazione delle sperimentazioni cliniche condotte in pediatria. Gli obiettivi sono: fornire un unico punto di contatto per tutti gli sponsor, i siti clinici e gli sperimentatori; garantire un'efficiente implementazione delle sperimentazioni che adottino approcci allineati, standard di qualità adeguati e coordinamento dei siti clinici a livello nazionale e internazionale; favorire la collaborazione con reti specializzate e nazionali che si occupano di sperimentazioni cliniche in pediatria. 

Il progetto di c4c inoltre mira anche a: fornire input di alta qualità per garantire la progettazione e la preparazione degli studi attraverso una rigorosa valutazione di fattibilità strategica e operativa; implementare metodi innovativi nel disegno dei trial clinici e di metodi scientifici quantitativi; realizzare una piattaforma di istruzione e formazione per educare i futuri leader dello sviluppo dei farmaci pediatrici.

Uno degli obiettivi principali del progetto, infine, è supportare l'utilizzo di disegni di studio innovativi e di nuovi metodi quantitativi per promuovere lo sviluppo di farmaci innovativi e sostenerne lo sviluppo nelle malattie pediatriche rare e nelle aree ad alta necessità medica. 

Il ruolo del Bambino Gesù

L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è uno dei principali partner del progetto e il suo contributo si articola su due livelli. In primo luogo, all'Ospedale è stata affidata la gestione del programma educazionale integrato del progetto e della creazione dell'Accademia Pediatrica c4c, attraverso cui verranno organizzati, gestiti e implementati corsi e training sui trial clinici in Pediatria e sullo sviluppo di farmaci pediatrici per tutte le figure professionali coinvolte nelle sperimentazioni. 

L'Ospedale Bambino Gesù rappresenta inoltre il Centro Coordinatore del Network italiano INCIPIT (Italian Network for Paediatric Clinical Trials), che parteciperà a tutte le attività del Progetto c4c in collaborazione con gli altri Hub nazionali e Network coinvolti nel progetto. INCIPIT è stato recentemente istituito come consorzio no profit, ed è composto dai principali IRCCS pediatrici e ospedali pediatrici Italiani, i grandi dipartimenti di Pediatria e Network nazionali e Internazionali che si occupano di sperimentazione in Pediatria in Italia. 

La più grande partnership fra pubblico e privato in Europa

Con un budget di circa 140 milioni di euro, c4c è una delle più grandi iniziative finanziate da Innovative Medicines Initiative 2 (IMI2 JU, che ha contribuito con 67 milioni di euro, mentre il resto dei fondi sono stati erogati dai partner industriali). Innovative Medicines Initiative 2 è la più grande partnership pubblico-privato esistente in Europa ed è finanziata congiuntamente dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell'Unione europea e dall'industria farmaceutica europea (rappresentata dall'EFPIA, la Federazione europea delle Industrie farmaceutiche e Associazioni).