Sindrome del bambino scosso o shaken baby syndrome

Consiste nel violento scuotimento del bambino, con possibile trauma cerebrale e conseguenti complicanze neurologiche. E' una delle forme più gravi di maltrattamento fisico del neonato e del lattante e rappresenta la prima causa di morte per abuso
Stampa Pagina

12 luglio 2019

CHE COS'E'
La Sindrome del bambino scosso è una delle forme più gravi di maltrattamento fisico del neonato e del lattante, rappresentando la prima causa di morte per abuso. La maggior parte dei casi si verifica nel primo anno di vita, con una maggior frequenza nei primi sei mesi.
Questa forma di maltrattamento consiste nel violento scuotimento del bambino con possibile trauma cerebrale e conseguenti complicanze neurologiche. Ciò accade quando il bambino tenuto per il tronco viene vigorosamente scosso; in questo caso il capo subisce rapidi movimenti di rotazioni e, per le sue grandi dimensioni ed una muscolatura del collo ancora inadeguata, il contenuto della cavità del cranio o encefalo (cervello, cervelletto e midollo allungato) va incontro a rapida accelerazione e decelerazione con trauma contusivo contro la scatola cranica, lesione dei nervi e rottura dei vasi sanguigni con emorragie.

QUALI SONO I FATTORI DI RISCHIO CHE PORTANO ALLO SCUOTIMENOT DEL BAMBINO
Questa forma di maltrattamento è spesso conseguente a pianto inconsolabile, "non tollerato" dai genitori o, più raramente, da altre figure che accudiscono il bambino; molto spesso i genitori arrivano a questi gesti estremi perché già fortemente provati dalla stanchezza e dal sentirsi inadeguati a risolvere le cause del pianto.
Nella maggior parte dei casi tali bruschi movimenti vengono effettuati senza una chiara consapevolezza dei gravi danni che si possono arrecare e derivano dall'ignoranza, da parte dei genitori, riguardo la delicatezza dell'encefalo di un lattante e le conseguenze che ne possono derivare.
Talvolta sono presenti fattori di rischio:

- giovane età della mamma;
- stato depressivo;
- disagio socio-economico;
- utilizzo di sostanze d'abuso;
- basso livello culturale;
- precedenti episodi di maltrattamenti in famiglia.

QUALI SONO I DANNI CHE POSSONO DERIVARE DALLO SCUTIMENTO
Le lesioni che possono venir causate dallo scuotimento sono in relazione all'età del bambino (più è piccolo e più sono gravi) e alla violenza con cui è stato scosso. I tre sintomi che consentono di far diagnosi ma che non sono sempre presenti sono: 

- ematoma subdurale, versamento di sangue nelle meningi che può provocare una semplice nausea, vertigini, fino a sintomi più gravi come alterazioni dello stato di coscienza e il coma; 
- edema cerebrale, accumulo di liquido nel cervello che si gonfia (edema) e comprime i capillari sanguigni bloccando così il flusso di sangue e l'arrivo di ossigeno al cervello; si manifesta con sintomi che possono andare dal semplice mal di testa fino agli attacchi di epilessia e alla perdita di coscienza;
- emorragia retinica con la comparsa di minuscole macchie di sangue sulla retina che possono venir osservate con uno strumento chiamato oftalmoscopio.

Più frequentemente la sintomatologia può essere aspecifica e la diagnosi non sospettata per molto tempo: irritabilità o sonnolenza, vomito e inappetenza, difficoltà di suzione o della deglutizione, ritardo motorio o del linguaggio, disturbi comportamentali, aumento eccessivo della circonferenza cranica. Nei casi più gravi: alterazione della coscienza, cecità, convulsioni, paralisi cerebrale, coma, decesso.
In taluni casi, i segni del maltrattamento possono essere sospettati anche dopo anni, in relazione a disturbi comportamentali o dell'apprendimento. Naturalmente sarà molto più difficile mettere in relazione questi disturbi con scuotimenti avvenuti tanto tempo prima.

COME SI PREVIENE
Le normali attività di gioco come far saltellare un lattante sulle ginocchia o sollevarlo in aria non possono causare lesioni; è importante, tuttavia, che i genitori e chi si prende cura dei bambini sappiano quanto uno scuotimento più vigoroso del capo possa essere pericoloso. 
Da parte dei pediatri devono essere forniti consigli ai genitori su cosa fare in caso di pianto inconsolabile e su come gestire il proprio stress.


a cura di: Antonino Reale, Umberto Raucci
Unità Operativa di Pediatria dell'Emergenza
In collaborazione con: