Coronavirus: i numeri degli Endocrinologi per i problemi di crescita

Stampa Pagina

10 aprile 2020



Tenere sotto stretto controllo le terapie ed evitare le eventuali complicanze dei disturbi endocrinologici dei bambini nel periodo di emergenza coronavirus, segnato dall'impossibilità o dal timore di uscire di casa per evitare il contagio. Gli specialisti di Endocrinologia dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù hanno attivato un servizio di
consulenza telefonica per dare indicazioni sui controlli e sulle terapie che pazienti già assistiti in Ospedale devono seguire durante la quarantena e per fornire assistenza ai bambini che presentano sintomi riconducibili all'insorgenza di problemi endocrinologici non ancora diagnosticati come, ad esempio, il rallentamento della crescita, anche a livello intellettivo, o le manifestazioni di sviluppo precoce.

II team di endocrinologi risponde allo 06 6859 3209 dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00 per la sede di Palidoro e allo 06 6859 4727 sempre dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00 per la sede di Roma-San Paolo. Nel corso del colloquio telefonico gli specialisti valuteranno il caso, indicheranno il tipo di assistenza più appropriato e forniranno informazioni sulle terapie e sui controlli da eseguire. Se necessario, potranno disporre anche visite ambulatoriali urgenti e, per i casi più complessi, anche il ricovero in Ospedale, ricordando che accesso e prestazioni sanitarie avvengono nella massima sicurezza. Il servizio di consulenza a distanza resta attivo anche dopo la ripresa delle attività ambulatoriali dell'Ospedale di giovedì 28 maggio.  

«I problemi endocrinologici più frequenti tra i bambini sono legati ai difetti di tre importanti ghiandole: l'ipofisi, il surrene e la tiroide. A seconda del caso, se non sottoposti alla giusta terapia, al giusto dosaggio di farmaci e ormoni, i bambini possono andare incontro a vere proprie crisi» sottolinea il dott. Marco Cappa, responsabile di Endocrinologia del Bambino Gesù. «È fondamentale quindi tenere in osservazione, anche a distanza, tutti i nostri pazienti. È altrettanto importante intervenire subito quando si presentano sintomi riconducibili all'esordio di un disturbo endocrinologico come, ad esempio, i segnali di una pubertà precoce (crescita dei peli e del bottone mammario) nelle bambine molto piccole, indice di un problema ipofisario, o l'ipoglicemia o il blocco della crescita e il rallentamento dello sviluppo delle funzioni intellettive. Sono tutti segnali di un problema già in atto e che può emergere con maggiore evidenza durante questo lungo periodo di quarantena. Siamo a disposizione delle famiglie anche in tutti questi casi».